Share
Gelato World Tour, Crispini di Spoleto nell’olimpo dei gelatieri italiani

Gelato World Tour, Crispini di Spoleto nell’olimpo dei gelatieri italiani

Alessandro Crispini vince con il gusto ‘pistacchio’. Tra gli 8 vincitori anche due creazioni con l’olio d’oliva e un gelatiere di Amatrice che ha perso la sua attività dopo il terremoto. La finale mondiale a settembre, a Rimini.

di Redazione

vincitori gelato world tourDue giorni di competizione tra coppette e coni per decretare i migliori d’Italia. Per la Giornata Europea del Gelato Artigianale che si svolge ogni anno il 24 marzo, Bologna è diventata la capitale del gelato selezionando 120 migliori artigiani che si sono sfidati nel campus della Carpigiani Gelato University. Gli eletti sono 8 e accedono di diritto alla Finale Mondiale di Gelato World Tour in programma dall’8 al 10 settembre a Rimini. Tra questi artigiani del dessert popolare che conquista tutti, grandi e piccini, anche un gelatiere umbro, Alessandro Crispini della storica ‘Gelateria Crispini’ di Spoleto, che ha presentato il gusto ‘pistacchio’.

Ecco gli altri vincitori:

Francesca Mombelli della gelateria ‘Il Vizio del Gelato’ di S. Nicolò (PC) con il gusto “pistacchio”, Alessandro Leo della gelateria ‘Alexart’ di Corato (BA) che ha deciso di valorizzare il prodotto d’eccellenza del suo territorio in un abbinamento insolito con “Crema di Latte all’Olio Extravergine di Oliva”, Bruno Di Maria della ‘Gelateria Madison’ di Realmonte (AG) con il gusto “pistacchio”, un gusto classico per il gelatiere siciliano, Francesco e Salvatore Manuele della gelateria ‘Nuova Dolceria’ di Siracusa con il gusto “Mandorlivo” un raffinato fiordilatte alla mandorla e torrone con olio extravergine di oliva Tonda Iblea, buccia grattugiata di limone per una nota agrumata e variegatura di cubetti di oliva candita, Elisabeth Stolz della ‘Gelateria Osteria’ contadina Hubenbauer di Varna (BZ) con il gusto “L’anima dell’Alto Adige”, sorbetto di mele biologiche altoatesine, inclusioni di Schuttelbrot croccante e speck caramellato tutto prodotto dalla famiglia Stolz, Silvia Pennati di ‘Formazza Agricola’ di Formazza (VB) con il gusto “Latte e Menta Selvatica” con ingredienti a km0 della stessa azienda agricola. Tra i premiati anche Daniele Mosca della gelateria ‘Il Gelatiere di Amatrice’ (RI) con il gusto “Sapore d’Amatrice”, che purtroppo non ha più la gelateria dopo il disastroso terremoto che ha colpito la sua città. Un premio che incoraggia la rinascita dell’attività e il coraggio di ricominciare.

Sono arrivati alla Carpigiani University dopo un viaggio lungo 16 mesi, da nord a sud, con 59 tappe in 18 regioni: 1300 gelatieri coinvolti.  Tra questi ben 25 donne, tra cui la più giovane in assoluto Corinne Cafiero di 15 anni della gelateria ‘Primavera di Sorrento’ (NA) accompagnata dal papà. La giuria era composta da 35 membri tra giornalisti della stampa enogastronomica, chef, pasticceri e gelatieri (tra questi il maestro Giancarlo Timballo, presidente della Coppa del Mondo di Gelateria).

A Rimini, la città dove ogni anno a gennaio si svolge Sigep, il salone più importante al mondo per la filiera del gelato artigianale con visitatori da 170 Paesi, gli otto italiani selezionati si troveranno di fronte i 32 avversari provenienti da Asia, Africa, Europa e America, selezionati a loro volta nelle undici tappe internazionali in quattro continenti.  La finale di Gelato World Tour Italian Challenge è organizzata da Carpigiani Gelato University con il patrocinio di Sigep – Italian Exhibition Group e Punto IT.

“Abbiamo passato 16 mesi in tour per l’Italia alla ricerca di quelle storie che fanno grande l’arte della gelateria nel nostro Paese e a cui vogliamo dedicare la giusta visibilità” – commenta Achille Sassoli, direttore di Gelato World Tour  – “Gli 8 vincitori e tutti i partecipanti ci hanno regalato due giorni meravigliosi mettendo in luce la passione per il proprio lavoro, la cura nella scelta degli ingredienti e la creatività nell’elaborazione della ricetta. Tutte le qualità che puntiamo a valorizzare nel nostro impegno di diffondere la cultura del gelato artigianale italiano nel mondo”.

Leave a Comment