Share
Torgiano capitale del vino. Tutto esaurito per il corso Master Wine

Torgiano capitale del vino. Tutto esaurito per il corso Master Wine

Il pre-corso per ambire al prestigioso titolo durerà tre giorni: dal 6 all’8 marzo. Chi supererà il test volerà a Londra, e poi in tutto il mondo

di Redazione

L’Umbria, e precisamente, Torgiano, sarà la capitale della formazione internazionale del vino. Lo avevamo anticipato lo scorso febbraio, e adesso è stato confermato: il corso per diventare aspiranti Master Wine, tenuto per la prima volta in Umbria, ha registrato il tutto esaurito.

Dal 6 all’8 marzo, il Wine Resort Lungarotti Le Tre Vaselle ospiterà la trasferta dell’institute of Masters of Wine (Imw), accademia londinese impegnata da oltre 60 anni a formare i più influenti e qualificati esperti del settore in tutto il mondo. La quarta tappa italiana, per la prima volta in Umbria, vede la collaborazione dell’Istituto del vino Grandi Marchi, ente che racchiude 19 cantine italiane che hanno portato e reso grande il nostro vino a livello internazionale (Alois Lageder, Argiolas, Biondi Santi Greppo, Ca’ del Bosco, Michele Chiarlo, Carpenè Malvolti, Donnafugata, Ambrogio e Giovanni Folonari Tenute, Gaja, Jermann, Lungarotti, Masi, Marchesi Antinori, Mastroberardino, Pio Cesare, Rivera, Tasca D’Almerita, Tenuta San Guido, Umani Ronchi) e dal 2009 unica compagine italiana major supporter dell’autorevole organizzazione inglese.

E’ stato ufficializzato il numero dei partecipanti: 25 iscritti al corso base introductory, che tratterà di ceo, export manager, enologi, marketing manager, proprietari di cantine di tutta Italia. A questi vanno ad aggiungersi 18 operatori che, avendo già frequentato il corso base o superato l’esame di ammissione, proseguiranno il loro percorso formativo per acquisire il titolo di Master of Wine, il più selettivo e ambito del settore a livello globale. Al mondo, attualmente, ne esistono solo 322. E ancora nessun italiano ha completato il percorso.

I Master Wine, infatti, occupano posizioni di responsabilità a livello internazionale. Lavorano come buyers di grandi catene alberghiere e ristoranti, nella finanza, sono i consulenti degli investitori nel mercato del vino, lavorano per le case d’asta, stabiliscono i prezzi base e battono le aste. Sono professionisti di marketing e commercio ma, soprattutto, dettano legge nel mercato del vino.

Chi supererà il test alla fine dei tre giorni in Umbria, potrà continuare il percorso fromativo a Londra, nella sede storica dell’Imw, per tre anni. Che però, vista la difficoltà, diventano quasi sempre cinque. E in questo periodo la parola d’ordine è “viaggiare”. Dal Nord America all’Australia, e certamente anche in tutta Europa, alla scoperta dei grandi vini.

Leave a Comment