Trebbie di birra nella dieta dell’agnello: consumer test in Umbria

Share

Il progetto di Università dei Sapori, Facoltà di Agraria e Cerb di Perugia: scarti di orzo e lino nei mangimi degli agnelli. Ecco i primi risultati sulla carne

di Redazione

Birrifici e allevamenti in sinergia per un modello produttivo più sostenibile. Arriva alle fasi finali il progetto nazionale di ricerca “Innovazione di processo e prodotto nella filiera orzo, per migliorare la qualità e sostenibilità ambientale di alimenti e bevande” relativo al Prin 2010/2011, che vede protagonisti il Dipartimento di Scienze Agrarie Alimentari e Ambientali (DSA3), l’Unità di Ricerca in Scienze Zootecniche, il Cerb e l’Università dei Sapori, con il coordinamento del professore Paolo Fantozzi.

foto cerbParte centrale del programma di ricerca è lo studio della carne di agnello, allevato e alimentato in stalla sino al peso di 35 kg, con fieno e mangime contenente anche trebbie di birra e lino, componenti ricche di polifenoli che ne determinano un miglioramento della shelf-life (la durabilità, la vita commerciale di un prodotto). Un progetto che segue la filosofia del programma comunitario Horizon2020 e punta alla sostenibilità e al benessere dei consumatori, con un contributo al miglioramento del processo produttivo e alla valorizzazione dei sottoprodotti, con conseguenti diminuzione di rifiuti organici.

Nella sede dell’Università dei Sapori (UdS), a Perugia, si è svolto il primo consumer test curato dai professori Luciano Morbidini e Mariano Pauselli e dalla dottoressa Valentina Roscini al quale hanno partecipato anche alcuni studenti della Facoltà di Agraria. Oggetto del test, il giudizio e il grado di soddisfazione, espresso in punteggio, su tre carni di agnello proveniente da allevamenti regionali, condite alla umbra e cotte al forno, allevato con mangime integrato con trebbie di birra (ciò che resta del residuo dell’estrazione a caldo dell’orzo germinato, gli involucri esterni della granella e di altre sostanze nutritive) e lino (componente che però risulta essere poco sostenibile per i costi ancora troppo elevati).

LEGGI L’INTERVISTA AL PROFESSOR PAOLO FANTOZZI DEL CERB DI PERUGIA

pranzo udsDalle prime analisi in laboratorio la carne è risultata più tenera, meno ‘stoppacciosa’, e quindi più adatta alla cottura. Ma soprattutto con un ottimo apporto di ‘grassi buoni’, i polifenoli, antiossidanti naturali. Carni di qualità nettamente superiore, migliorate nelle proprietà funzionali e sensoriali per la soddisfazione dei consumatori attuali, di elevato valore nutrizionale, con una componente di grasso più salubre per l’uomo che portano a risvolti non indifferenti sul piano economico per un migliore utilizzo dei sottoprodotti della birra ed un approccio multilaterale allo studio e all’approfondimento di alcuni aspetti della filiera di produzione dell’orzo, come materia prima per la produzione della birra e prodotti da forno.

Il progetto si concluderà a febbraio 2016. Ad oggi, solamente tre aziende in Italia forniscono trebbie di birra per l’allevamento di bovini. Tale studio, quindi, getta le basi per un maggiore sviluppo di questa pratica e di questa sinergia, in vista di una maggiore sostenibilità ambientale. Anche considerando che sono sempre di più i birrifici artigianali in Umbria che potrebbero dare il loro contributo alla riuscita del progetto.

Lo scopo è, da un lato stimolare gli allevatori e i consumatori ad adottare un’alimentazione più salubre, dall’altro incentivare l’economia di scala perché così facendo si consente agli agricoltori di diversificare la produzione.

L’APPROFONDIMENTO SUL PROGETTO “FARSICCIA”

Share

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.