L'informazione agroalimentare in Umbria

Enologica, buon compleanno Sagrantino. Venticinque anni fa la DOCG

Share

Dal 15 al 17 settembre torna l’evento sui vini di Montefalco. Quest’anno si celebra il riconoscimento della Denominazione di origine controllata e garantita, avvenuto nel 1992. L’annuncio di Caprai: Umbria in gara per il titolo di ‘Wine Region of the Year’.

di Redazione

La Docg del Montefalco Sagrantino spegne 25 candeline. Sarà un compleanno speciale che si celebrerà da venerdì 15 a domenica 17 settembre in occasione di Enologica, l’evento annuale organizzato da Consorzio Tutela Vini Montefalco, Comune di Montefalco e Strada del Sagrantino che punta i riflettori sul vino rosso autoctono, tra i più prestigiosi d’Italia.

Correva l’anno 1992 quando fu portato a compimento il cammino per il riconoscimento della Denominazione di origine controllata e garantita. “Una rivoluzione partita venticinque anni fa da Montefalco, evolutasi nel tempo grazie allo spirito di unione di tutti i produttori, che ha portato il Sagrantino, e con esso il territorio umbro, a crescere e consolidarsi – spiega Amilcare Pambuffetti, presidente del Consorzio –. Un cammino costellato di piccoli e grandi traguardi, di dedizione e fatica, che ha restituito centralità a un vino denso di storia e tradizione. Tutto ciò verrà raccontato dai produttori e da chi ha vissuto la storia di questo prestigioso vino durante il convegno di sabato 16 settembre”.

BELLO, BUONO E UNICO: IL SAGRANTINO SECONDO PHILIPPE DAVERIO

Dal 2000 ad oggi, l’ascesa del Sagrantino ha fatto registrare una superficie di vigneto iscritta alla Docg quintuplicata (da 122 a circa 610 ettari), una produzione triplicata (da 660 mila a circa 2 milioni di bottiglie), la nascita di più di trenta cantine oltre a un incremento generale delle attività produttive locali e dell’occupazione nell’area.

“La Docg Montefalco Sagrantino, che quest’anno compie 25 anni, è un’eccellenza regionale e patrimonio, oltre che della città di Montefalco, di tutti i Comuni della denominazione – dichiara Donatella Tesei, sindaco di Montefalco –. Grazie all’intensa attività di promozione svolta in questi anni dal Comune di Montefalco, dal Consorzio Tutela Vini Montefalco e dall’Associazione Strada del Sagrantino, oggi il Sagrantino è riconosciuto nel mondo come uno dei migliori vini del panorama nazionale”. È proprio grazie al successo della preziosa produzione enologica, associato alla ricchezza storica e alla bellezza dei paesaggi umbri, che la terra del Sagrantino si prepara ad accogliere migliaia di winelovers da tutta Italia che, domenica 17 di settembre, potranno inoltre assistere a canti, balli e alla tradizionale sfilata dei carri dell’annuale Festa della Vendemmia di Montefalco.

VENDEMMIA 2017: CHE VINO SARA’? L’OPINIONE DELL’ENOLOGO FALSINI

“Qui, nel territorio del Sagrantino – dichiara Serena Marinelli, neo presidente della Strada del Sagrantino, – arte, cultura, musica, itinerari tematici, buon cibo e ottimo vino, riescono a unirsi in una combinazione vincente e il ricco cartellone di eventi ne è l’esempio. Molte le attività in programma per Enologica rivolte al vasto pubblico, per soddisfare le esigenze di tutti: tour in bus per visitare le cantine, passeggiate in bicicletta con pedalata assistita, percorsi di visita guidata delle bellezze storico-artistiche di Montefalco e il concerto ‘Sagrantino in Jazz’ itinerante lungo il borgo”.

Enologica 2017 si snoderà attraverso sei punti di interesse storico e culturale (Complesso di Sant’Agostino, Sala Consiliare del Comune di Montefalco, Complesso Museale San Francesco, Piazza del Comune, Borgo Garibaldi e Giardino Ex Carceri) che ospiteranno mostre fotografiche, degustazioni guidate, cooking show con piatti a base di tartufo, musica jazz dal vivo, visite guidate, tour enogastronomici ed eventi organizzati  nelle 27 cantine aderenti.

SAGRANTINO STORIES: MILZIADE ANTANOADANTILE CIMATE

L’inaugurazione è prevista per venerdì 15 settembre, alle 15.30, presso il Complesso di Sant’Agostino. Alle 16, l’apertura del Banco d’Assaggio dei Vini di Montefalco, che si protrarrà per l’intera durata dell’evento e dove sarà possibile acquistare i vini del territorio. Spazio alle voci del territorio e non solo, grazie al Convegno di sabato 16, alle 10, presso il Complesso Museale San Francesco, dal titolo “Ieri, oggi e domani: la Docg Montefalco Sagrantino”. Saranno presenti l’assessore all’agricoltura della Regione Umbria Fernanda Cecchini, il sindaco di Montefalco Donatella Tesei, il presidente del Consorzio Amilcare Pambuffetti, il professor Luigi Gambacurta, esperto di usi e costumi del mondo contadino montefalchese, e i produttori della Docg Montefalco Sagrantino. 

Grande attesa per le due degustazioni guidate, presso la sala consiliare del Comune di Montefalco, che offriranno l’occasione di assaporare alcune annate storiche di Sagrantino secco e passito dall’annata 1998 alla 2010. La prima, “Sagrantino Passito nel tempo” sarà guidata dal giornalista ed esperto Jacopo Cossater, sabato 16 alle 17; la seconda “Sagrantino: la storia e il tempo”, a cura del giornalista enogastronomico Antonio Boco, prevista per domenica 17 alle 11. Due i cooking show con le ricette al tartufo affidate allo chef Angelo Franchini: sabato alle 12 e domenica alle 12.30.

Intanto, arriva un’altra buona notizia dal mondo del vino. L’Umbria è in gara per il titolo di Wine Region of the Year, con la Galizia (Spagna), Margaret River (Australia), Sonoma County (California) e la Regione del Sud-Ovest della Francia, nell’ambito del  prestigioso Wine Star Awards 2017 del magazine americano Wine Enthusiast. Ad annunciare la nomina è stato Marco Caprai, noto produttore  e presidente di Confagricoltura Umbria, durante la tavola rotonda “Sangiovese e i suoi fratelli”  della terza edizione di ‘Cantine in centro’, a Perugia. Dita incrociate e in alto i calici.

Share

Leave A Reply

Your email address will not be published.