L'informazione agroalimentare in Umbria

Aprile enologico con Vinitaly, Vinnatur e ViniVeri

Share

Questo weekend tre imperdibili appuntamenti per gli amanti del vino. ‘Vini Veri’ a Cerea (Vr) dal 7 al 9 aprile, poi il grande Vinitaly, dal 9 al 12 aprile a Verona. In mezzo Vinnatur, a Villa La Favorita di Sarego (Vicenza) per conoscere i vini naturali italiani e non solo.  

di Redazione

Preparate i calici e tenete lontani gli astemi, è un aprile fortemente enologico. Tre gli appuntamenti imperdibili per gli amanti del buon vino, italiano e non solo, che si svolgeranno questo weekend in giro per il Belpaese: Vini Veri, Vinitaly e Vinnatur.

VINI VERI 2017 – VINI SECONDO NATURA (Cerea, Verona – dal 7 al 9 aprile)

Questa quattordicesima edizione è dedicata alla rinascita dei territori colpiti dal terremoto. Si tratta di una rassegna che vede protagonisti quei vini prodotti con procedimenti estremamente naturali, in cui c’è una continua ricerca di equilibrio tra l’azione dell’uomo e i cicli della natura. I vignaioli che aderiscono a questa filosofia di produzione devono rispettare una ‘regola’, per raggiungere l’obiettivo di ottenere un vino in assenza di accelerazioni e stabilizzazioni. Il Gruppo ViniVeri, di fatto, aggrega solamente chi dichiara il proprio processo di lavorazione nel rispetto della regola, allo scopo di stimolare la discussione tra produttori, scambiandosi esperienze e risultati raggiunti.

Pertanto, in vigna è escluso l’uso di ogni tipo di diserbante o disseccante, concimi chimici, viti modificate geneticamente. In cantina solo lieviti indigeni dell’uva e nessuna azioni chiarificante e della filtrazione che altera l’equilibrio biologico e naturale dei vini. Precisi parametri anche per la solforosa, che non potrà mai essere superiore ad 80 mg/l per i vini secchi e 100 mg/l per i vini dolci. La vendemmia è rigorosamente manuale e si predilige la coltivazione di vitigni autoctoni. Aderiscono a questo rigido programma di produzione due aziende vitivinicole in Umbria: Cantina Ninni e Paolo Bea.

LEGGI LA FOOD STORY DELLA CANTINA NINNI (CON LA GALLERY FOTOGRAFICA)

Informazioni per i visitatori:

Come arrivare. L’AreaExp, situata in via Libertà 57 a Cerea, è facilmente raggiungibile dalla vicina Verona: la stazione ferroviaria di Cerea offre numerosi collegamenti ferroviari ogni giorno dalla stazione di Verona Porta Nuova. In auto da Verona è ancora più semplice: strada provinciale 434 “Transpolesana” Verona-Rovigo, uscita di Cerea.

Orario continuato dalle 10 alle 18

Biglietto. Il ticket giornaliero è di 25 euro, prevendita on-line a euro 27 (calice e libretto di degustazione).

http://www.viniveri.net/

VINITALY – EDIZIONE 51 (Verona dal 9 al 12 aprile)

E’ la prima fiera del vino al mondo per superficie espositiva e numero di operatori esteri, giunta quest’anno alla 51ª edizione. Si tiene come sempre a Verona, da domenica 9 a mercoledì 12 aprile, e si presenta con un imponente piano di investimenti, maggiore internazionalità, occasioni di business e innovazione digitale. E’ in corso, infatti, un progetto pluriennale che nel prossimo triennio innoverà le modalità di “fare fiera”, grazie alla trasformazione di Veronafiere in società per azioni, avvenuta a novembre scorso, e al nuovo piano industriale che prevede 94 milioni di euro di investimenti al 2020, volti al miglioramento complessivo delle infrastrutture, alla digital transformation, all’incoming di operatori esteri ed al radicamento nelle aree geo-economiche di Usa e Cina, nazioni da cui nell’edizione 2016 si sono registrati notevoli aumenti negli arrivi dei buyer: +130% dal Paese del dragone e +25% dagli Usa.

Una realtà complessa e articolata che a Verona trova una sintesi perfetta ogni anno per oltre 4.120 aziende espositrici, a cui si sommano le 291 di Sol&Agrifood e le 200 di Enolitech. Vinitaly 2017 si propone con una piattaforma b2b ancora più internazionale che guarda sempre più al mercato globale. All’inizio di marzo scorso si contavano già 2mila nuovi buyer registrati per l’edizione 2017, provenienti da Usa, Cina, Hong Kong, Australia, Canada, Francia, Danimarca, Belgio, Germania, Giappone, Svizzera, Norvegia, Svezia e Russia. Tra questi in aumento gli arrivi previsti anche da Taiwan e Brasile e, nonostante l’imminente Brexit, il Regno Unito aggiunge all’elenco 100 nuovi buyer.

Inoltre, sono già 5mila ad oggi gli incontri b2b fissati nelle agende degli operatori esteri selezionati dalle attività di incoming congiunte che vedono collaborare la rete di delegati di Veronafiere e l’agenzia Ice- Italian Trade Agency grazie al Piano straordinario di promozione del Made in Italy promosso da Mise e Mipaaf. Confermate le aree tematiche del salone: Vinitaly Bio, sul mondo del biologico certificato, ViViT dedicato ai vini artigianali e VinInternational, spazio che raggruppa la gran parte dei produttori esteri di Vinitaly. Stati Uniti, Francia, Spagna Sudafrica, Germania, Argentina e Australia sono soltanto alcuni dei Paesi presenti a cui quest’anno si aggiunge il debutto assoluto di Giappone, Andorra e Kosovo.

Infine, continua lo sviluppo parallelo anche del fuori salone di Vinitaly and the City, che l’anno scorso ha registrato 29mila presenze, pensato per separare nettamente i momenti in fiera riservati agli operatori e agli affari dalle iniziative per i winelovers. L’evento coinvolge il centro storico di Verona e, da quest’anno, anche Bardolino sul lago di Garda, aggiungendo un giorno in più di programmazione: da venerdì 7 a martedì 11 aprile.

Informazioni per i visitatori

Orario continuato dalle 9:30 alle 18. Da domenica a martedì ingresso fino alle 17. Mercoledì l’ingresso è consentito fino alle 16.

Biglietto giornaliero 80 euro – online 75 euro. Abbonamento 4 giornate 120 euro – online 115 euro (validità 1 ingresso per 1 giorno)

Help phone: 045 8298854 (dalle 9 alle 12:30)

http://www.vinitaly.com/

VINNATUR 2017 (Vicenza dall’8 al 10 aprile)

Dall’8 al 10 aprile a Villa da Porto, meglio conosciuta come “La Favorita” di Sarego (Vicenza) torna l’appuntamento con la manifestazione dell’associazione viticoltori naturali VinNatur. Sarà l’edizione numero 14, la prima dopo l’approvazione a luglio del 2016 del Disciplinare di produzione del vino VinNatur. Saranno 170 i produttori (20 in più rispetto allo scorso anno) provenienti da nove nazioni diverse: Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Austria, Germania, Repubblica Ceca, Slovacchia e Slovenia.

Durante la tre giorni, i visitatori potranno assaggiare e acquistare il vino proposto dalle cantine espositrici, mentre agli operatori del settore sarà data la possibilità di degustare con calma i vini nella tasting room a loro riservata. Oltre ai banchi d’assaggio, la villa e il suo parco ospiteranno anche quest’anno alcuni produttori di eccellenze gastronomiche italiane e un servizio di ristorazione curato ancora una volta dallo chef Cosimo Bicchierri, del ristorante biologico Erbecedario di Badia Calavena (Vr).

Ma cosa s’intende per vini naturali? L’associazione VinNatur riunisce vignaioli da tutto il mondo che hanno fatto della tutela della natura e del rispetto del territorio un punto imprescindibile di partenza per ogni produzione. Il rispetto della storia, della cultura e dell’arte dei luoghi a cui appartengono sono elementi fondamentali che traggono ispirazione da una profonda etica ambientale. Pertanto, il vino naturale è quello prodotto con il minor numero possibile di interventi in vigna e in cantina, assoluta assenza di additivi chimici e manipolazioni umane. I rischi di questo tipo di produzione sono molti, e per realizzare un buon vino è necessaria una profonda conoscenza della materia da applicare sia in vigneto che in cantina.

VinNatur analizza approfonditamente i prodotti di ogni associato. Nel 2010 i risultati sono stati molto soddisfacenti poiché ben 91 vini, su un totale di 111 campioni è risultato completamente esente da ogni tipo di pesticida. Oggi l’associazione riunisce oltre 170 produttori di 9 diversi Paesi. Ognuno si presenta alla manifestazione con una scheda dedicata, per raccontare il suo territorio e i suoi vini. Queste le cantine umbre presenti: Cantina Marco Merli, Carlo Tabarrini, Cantina Margò, Collecapretta, Fattoria Mani di Luna, Società Agricola Fongoli, La Piccola Cantina dei Rossi, Piccolo Podere del Ceppaiolo, Roberto Lepri, Tiberi az. Agr., Vigneti Campanino, Vini Conestabile della Staffa.

Informazioni per i visitatori:

Orario continuato dalle 10 alle 18

Biglietto 25 euro al giorno, acquistabile solamente all’ingresso (calice degustazione e catalogo degli espositori)

Come arrivare. Per chi arriva in treno è prevista una navetta che accompagnerà i visitatori dalla stazione di Montebello Vicentino fino a Villa La Favorita e ritorno.

www.vinnatur.org

 

Share

Leave A Reply

Your email address will not be published.