Chi sei? Te lo dice il cibo. Lo storico ritorno degli italiani in cucina

Share

La voglia di conoscere le caratteristiche dei prodotti e i metodi per ottenerli alimenta il ritorno al contatto diretto con le aziende. A Natale sarà boom dei “fai da te”

di Redazione

Non più solo nutrimento quotidiano e nemmeno semplice divertimento in famiglia o con gli amici buongustai. Cannelloni al sugo, arrosto misto e vini d’annata oggi sono viatici per la ricerca dell’essere. Secondo l’analisi Ixè “Il Natale sulle tavole degli italiani”, presentata mercoledì 16 dicembre all’Assemblea Nazionale di Coldiretti, cucina e buon cibo si affermano sempre più tra le nuove generazioni come primarie attività di svago, relax e affermazione personale.

La passione per i fornelli, che ha contagiato uomini e donne nella stessa misura, sta però favorendo in modo particolare una nuova mascolinità, che esprime la propria soggettività attraverso la conoscenza e la manipolazione del cibo. E infatti gli italiani, emerge dallo studio, quest’anno trascorreranno una media di oltre 3 ore ai fornelli per preparare le pietanze da servire nelle feste natalizie, con uno storico ritorno al “fai da te” casalingo che non si registrava da oltre cinquant’anni.

PESCE DEL TRASIMENO. PER LE FESTE, ECCO IL MENU’ A KM0

Quello degli italiani è un vero e proprio ritorno in cucina, il luogo dove un tempo erano solo le nonne a passare gran parte della loro vita. Un’abitudine che spinge le nuove generazioni alla scelta sempre più attenta degli ingredienti, con un’elevata tendenza alla ricerca di materie prime fresche e genuine. Il risultato, secondo Coldiretti, è il boom degli acquisti nelle fattorie o nei mercatini degli agricoltori, dove quest’anno faranno la spesa di Natale quasi un italiano su cinque (17%). Non solo. La crescente voglia di conoscere le caratteristiche dei prodotti e i metodi per ottenerli sta alimentando il ritorno al contatto diretto con i produttori per acquistare, a garanzia di genuinità e convenienza, direttamente in azienda.

BUON NATALE IN 20 MODI DIVERSI. SPECIALITA’ GASTRONOMICHE REGIONE PER REGIONE

Una tendenza che porterà ad arricchire il Natale con tocchi di personalità, con menu tematici e a cambiare i tradizionali elementi gastronomici della tavola. Sempre secondo l’indagine, il 61% degli italiani quest’anno sceglieranno prodotti Made in Italy e ben il 30% prodotti locali a km0. Il risultato, probabilmente, sarà anche un cambiamento di alcuni “prodotti simbolo” del Natale italiano. Infatti, oltre al panettone consumato dal 76% delle famiglie e il pandoro dal 68%, sulla metà delle tavole saranno serviti dolci fatti in casa seguendo non solo ricette tradizionali.

TRE RICETTE DELLO CHEF PER I DOLCI DI NATALE

Share

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.