Share
L’orto in città sempre più trendy. A Terni un convegno sull’agricoltura urbana

L’orto in città sempre più trendy. A Terni un convegno sull’agricoltura urbana

Rispetto al 20111, gli appezzamenti pubblici dedicati alla coltivazione di piante o al giardinaggio sono triplicati

di Redazione

L’orto in città, sempre più una tendenza. Cresce ogni giorno l’attenzione degli italiani verso la riscoperta del verde pubblico e delle sue potenzialità in tempo di crisi. Ecco perché gli appezzamenti dedicati alla coltivazione di piante o al giardinaggio negli spazi urbani sono triplicati rispetto al 2011, superando i 3 milioni di metri quadri messi a disposizione dalle amministrazioni pubbliche.

Un tema di cui si parlerà in un Convegno dal titolo “Orti Urbani: Socialità, Sostenibilità, Salute“, organizzato da Coldiretti a Terni per venerdì 20 marzo alle nella Sala Consiliare del Palazzo della Provincia in Viale della Stazione. Un appuntamento con cui l’associazioone dei coltivatori aprirà la “Primavera di Campagna Amica”, una tre giorni di iniziative nella città di San Valentino in cui si parlerà proprio di agricoltura urbana. Parteciperanno Daniele Taffon, Responsabile progetto Orti Urbani – Fondazione Campagna Amica, gli Assessori comunali Daniela Tedeschi e Francesca Malafoglia, Biancamaria Torquati, Docente all’Università di Perugia, Mauro Pacini, Neuropsichiatra della ASL2 Umbria e l’Agronomo Beatrice Marucci.

“Aumenta la sensibilità verso un’alimentazione sana associata a uno stile di vita fondato sulla qualità e sul rispetto della natura, così come verso prodotti coltivati nell’ambiente in cui viviamo”, spiega il presidente di Coldiretti Terni, Massimo Manni. Ecco perché l’associazione mette a disposizione dei ‘personal trainer’ a cui si possono rivolgere tutte le persone che, aderendo alla Rete degli Orti urbani, intendono mettere alla prova il proprio pollice verde pur vivendo in città. Una rete di professionisti del settore vivaistico che darà ai gestori degli orti tutti i consigli pratici per veder crescere i propri pomodori, zucchine e insalata.

Oltre al Convegno, grande spazio al “risveglio della natura” in Piazza Tacito, il 21 e 22 marzo dalle ore 9 alle 20, con un grande Mercato di Campagna Amica con le eccellenze locali di venti imprese agricole e stand florovivaistici. Protagonisti i prodotti agricoli di “filiera corta”: dai formaggi all’olio, dal vino ai legumi, dal miele ai salumi.

Le coltivazioni degli orti urbani, spiega Coldiretti, non hanno scopo di lucro, sono assegnati in comodato ai cittadini e forniscono prodotti destinati al consumo familiare e, oltre a rappresentare un aiuto per le famiglie in difficoltà, concorrono a preservare gli spazi urbani. Gli “hobby farmers” sono giovani e anziani, esperti e neofiti, che coltivano piccoli appezzamenti familiari, strisce di terra lungo ferrovie, parchi e campi di calcio, balconi e terrazzi arredati con vasi di diverse dimensioni. Contribuendo a rivitalizzare aree delle città lasciate incolte e abbandonate al degrado.

Leave a Comment