Share
Quando il cibo è davvero ‘buono’. La Cipolla di Cannara tra scienza e gusto

Quando il cibo è davvero ‘buono’. La Cipolla di Cannara tra scienza e gusto

Riceviamo e pubblichiamo questo interessante articolo scientifico scritto dal Prof. Benedetto Natalini, Direttore del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche

di Prof. Benedetto Natalini – Direttore Dipartimento Scienze Farmaceutiche Università di Perugia

La “Dieta Mediterranea” è ampiamente riconosciuta come modello alimentare idoneo alla promozione della salute e del benessere, tanto che l'Unesco l’ha iscritta nella lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell'Umanità. Un vasto numero di studi epidemiologici ha infatti chiaramente dimostrato che i popoli che si affacciano sul bacino del Mediterraneo hanno, rispetto ad altri, un’aspettativa di vita più lunga e un minore rischio di contrarre alcune malattie croniche.

Il sistema dietetico mediterraneo tradizionale prevede un'assunzione elevata di alimenti vegetali e di olio d’oliva come principale fonte di grassi aggiunti, elevato-moderata di pesce e molluschi, un consumo moderato o basso di uova, pollame e latticini, abbastanza ridotto di carne rossa e grassi saturi e un’assunzione limitatissima di alcool, principalmente sotto forma di vino, durante i pasti.

I vegetali sono la più ricca fonte di composti fenolici nella dieta mediterranea e, fra questi, i flavonoidi in particolare si pensa siano la classe di specie bioattive in grado di apportare il maggior numero di benefici alla salute. La letteratura scientifica indica i bulbi di cipolla come straordinari contenitori di importanti fitonutrienti come flavonoidi, frutto-oligisaccaridi, tiosulfinati, e altri composti solforati.

Studi condotti in vitro ed in vivo descrivono l’effetto antitrombotico, ipolipidemizzante, antiossidante, antidiabetico, antinfiammatorio, antiparassitario e chemiopreventivo esercitato dalle diverse classi molecolari presenti nei bulbi di cipolla. Inoltre, un numero cospicuo di studi epidemiologici suggerisce che una dieta ricca di cipolle può ridurre marcatamente il rischio di infarto del miocardio e di iperplasia prostatica benigna.

La cipolla, probabilmente originaria dell’Asia centrale e successivamente introdotta in Europa dai Fenici, è coltivata in ogni parte del Mondo grazie alla sua elevata adattabilità e capacità di occupare un ampio range di nicchie ecologiche. Il bulbo di cipolla non è un semplice alimento ma sin dall’antichità è riconosciuto avere considerevoli proprietà medicinali e funzionali. Per esempio, Plinio il Vecchio nella sua opera Naturalis Historia descrive almeno 30 disturbi che possono essere alleviati introducendo la cipolla nella dieta.

Sebbene in Italia siano molte le cultivar di cipolla coltivate, solo la Cipolla Rossa di Tropea, che è stata recentemente iscritta nell'elenco Europeo delle “Denominazioni di Origine e Indicazioni Geografiche Protette, IGP” è stata oggetto di rigorose indagini scientifiche. Al contrario, un limitatissimo numero di studi scientifici è stato finora condotto sulle tre cultivar Rossa di Toscana, Borettana di Rovato e Dorata di Parma, ampiamente coltivate nel territorio del Comune di Cannara in provincia di Perugia, località nota da lungo tempo per la coltivazione dell’ortaggio, favorita dalle peculiari caratteristiche geo-pedologiche del suo agro e per l’abbondanza d’acqua di cui questo dispone.

L’indagine scientifica rivolta ai suddetti prodotti dell’agricoltura regionale umbra è stata realizzata presso l’Università degli Studi di Perugia dal gruppo di Ricerca coordinato dal Prof. Benedetto Natalini, Direttore del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche. Nei primi due studi, pubblicati sulle riviste internazionali Journal of International Scientific Publications: Agriculture and Food e International Journal of Food Properties, l’attenzione dei ricercatori del Laboratorio di Analisi Farmaceutica del suddetto Dipartimento è stata indirizzata alla valutazione quantitativa e alla comparazione del grado di pungenza (che è una misura della dolcezza) delle tre cultivar sopracitate attraverso la misurazione dei livelli di acido piruvico.

Recentemente, lo stesso gruppo di ricercatori composto oltre che dal Prof. Natalini anche da Roccaldo Sardella, Maura Marinozzi, Federica Ianni e dall’oncologo Vincenzo Formica dell’Ospedale Universitario di Tor Vergata a Roma, si è prefissato l’obiettivo di paragonare il contenuto totale di fenoli e la relativa capacità antiossidante totale di estratti idroalcolici ottenuti dai bulbi delle tre cultivar di cipolla coltivati a Cannara, cortesemente forniti dal Consorzio dei Produttori della Cipolla di Cannara. Tutti i metodi utilizzati sono stati completamente validati prima del loro impiego per la determinazione quantitativa. Gli estratti fenolici sono stati anche testati in vitro per la loro capacità di indurre, nell’uomo, la proliferazione di cellule del sistema immunitario ed in particolare i linfociti NK CD16+, conosciuti per il loro ruolo contro il cancro e i processi infettivi.

I risultati pubblicati sulla rivista internazionale Pharmaceutical Biology indicano che la cultivar Rossa di Toscana presenta il più alto valore di polifenoli e la maggiore capacità antiossidante. Gli estratti fenolici delle tre cultivar hanno poi indotto differenti effetti immunologici in termini di proliferazione di sotto-popolazioni di cellule immunitarie umane rappresentative. L’incubazione con gli estratti di Rossa di Toscana ha determinato un incremento medio rilevante nella frequenza delle cellule immunitarie antitumorali/antinfettive NK CD16+, mentre valori più bassi sono stati registrati per le cultivar Dorata di Parma e Borettana di Rovato.

E’ ampiamente riconosciuto che è possibile sfruttare la potenza del sistema immunitario per combattere il cancro. Su questo assunto poggia le sue basi l’immuno-oncologia, una nuova frontiera nella lotta contro i tumori, che vede nell’amplificazione delle risposte immunitarie uno strumento terapeutico e preventivo contro il cancro. Considerando che sia l’immunomodulazione che l’immunostimolazione possono essere favorite da particolari regimi alimentari e analizzando le evidenze sperimentali ottenute dal gruppo di Ricerca coordinato dal Prof. Natalini, la cultivar Rossa di Toscana coltivata a Cannara potrebbe essere considerata un potenziale “alimento funzionale”.

Gli interessanti risultati recentemente descritti sulla rivista Pharmaceutical Biology rappresentano solo il punto di partenza di un’attività di studio che i Rrcercatori del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche intendono proseguire ed approfondire con l’obiettivo di collezionare dati scientifici in grado di caratterizzare in modo ancor più rigoroso e far emergere le potenzialità dell’eccellente prodotto dell’agricoltura umbra.

Leave a Comment