Emergenza bluetongue in Umbria: controlli su 10mila pecore

Share

Secondo prime fonti, sono 29 gli allevamenti colpiti dalla malattia. Al via il trattamento antibiotico sui capi nel territorio di Terni, Spoleto e Foligno

di Emanuela De Pinto

Emergenza bluetongue in Umbria. Secondo prime fonti, sarebbero almeno 29 gli allevamenti di pecore colpiti dalla malattia. Su richiesta dei Dipartimenti sanitari locali, i sindaci di alcuni Comuni delle province di Perugia e Terni avrebbero già emesso un’ordinanza per bloccare lo spostamento di almeno 10mila capi di ovini, con il conseguente blocco del commercio del bestiame, per ridurre così al minimo il rischio di contagio.

La bluetongue è una malattia asintomatica per i bovini, ma negli ovini si manifesta invece con febbre e sintomi simili alla più comune influenza. I territori comunali più colpiti al momento sono quelli di Terni, Spoleto e Foligno. Per ora, spiegano fonti del Dipartimento sanitario umbro, i capi non verranno abbattuti, ma si procederà al trattamento di farmaci antibiotici e antiparassitari. Per i medici veterinari, non c’è alcun rischio per la salute dei consumatori e degli allevatori, la bluetongue non è infettiva per l’uomo.

Il virus della patologia si trasmette solamente attraverso le punture dei moscerini ematofagi del genere culicoides, e il tasso di mortalità degli animali colpiti non è in genere elevatissimo, può variare dal 5 al 10%. Inoltre, la malattia solitamente blocca la produzione di latte nell’animale. Al momento sarebbe in corso una riunione straordinaria in Regione a cui partecipa anche l’Associazione Regionale Allevatori Umbria(Ara).

Share

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.