L'informazione agroalimentare in Umbria

Il Grammy delle bionde italiane. A Firenze torna il premio “Birraio dell’Anno”

Share

L’evento rappresenta un vero e proprio tributo alla buona birra artigianale nazionale. Si potranno assaggiare cento etichette di venti microbirrifici

di Redazione

Bionde e rosse da bere, anche quest’anno torna il premio Birraio dell’Anno. Ideato e organizzato da Fermento Birra con il sostegno di VDGlass, l’evento è ormai uno degli appuntamenti più attesi per degustatori, operatori del settore ma anche semplici appassionati, e rappresenta un vero e proprio tributo alla buona birra artigianale italiana.

birraio_dell'anno_2014L’edizione di quest’anno, durante la quale sarà conferita la medaglia d’oro per il 2015, si svolgerà da venerdì 15 a domenica 17 gennaio, presso il teatro Obihall di Firenze (via Fabrizio De André, zona Bellariva). Un’occasione imperdibile per chiunque abbia voglia di scoprire il meglio del panorama brassicolo nazionale, assaggiando fino a un centinaio di birre alla spina prodotte dai 20 migliori birrifici artigianali e dai 5 migliori birrifici emergenti. Tutte servite e spiegate dai birrai stessi. Il compito di pronunciare sabato 16 (inizio premiazione ore 21.30) l’atteso nome del vincitore del premio Birraio dell’Anno, oltre a quello di miglior Birraio Emergente (cioè con meno di due anni di esperienza) toccherà a Lorenzo “Kuaska” Dabove, degustatore divenuto ormai tra i più influenti personaggi del “craft brewering” italiano. Qui il regolamento del Premio e i giurati.

GLI STILI DELLA BIRRA PER FERMENTAZIONE: ALTABASSASPONTANEA

Durante i tre giorni della manifestazione si svolgeranno degustazioni-show sul palco del teatro e incontri di approfondimento. Inoltre, nei beershop Firenze Birra e Grand Cru Firenze si potranno acquistare le etichette in degustazione. Protagonista anche lo street food di qualità grazie alla collaborazione con Cucine di Strada che porterà una selezione di truck, banchi ricchi di sfiziosità e gustosi piatti da abbinare alla birra: hamburger di chianina, arancini, trapizzini, arrosticini, olive all’ascolana e lampredotto. Immancabile la porchetta, che nell’edizione di quest’anno sarà Made in Umbria, grazie alla collaborazione con il festival Porchettiamo.

TUTTI GLI ARTICOLI DI SAPEREFOOD SULLA BIRRA

birraio_dell'anno_2014Ecco i candidati all’ambito titolo di Birraio dell’Anno 2015: Agostino Arioli del Birrificio Italiano di Limido Comasco (CO), Alessio Selvaggio del birrificio Croce di Malto di Trecate (NO), Bruno Carilli del Birrificio Toccalmatto di Fidenza (PR), Donato Di Palma del birrificio Birranova di Triggianello (BA), Emanuele Longo del Birrificio Lariano di Dolzago (LC), Fabio Brocca del Birrificio Lambrate di Milano Francesco Mancini del Birrificio del Forte di Pietrasanta (LU), Gino Perissutti del birrificio Foglie d’Erba di Forni di Sotto (UD), Giovanni Campari del Birrificio del Ducato di Roncole Verdi di Busseto (PR), Jurij Ferri del birrificio Almond ’22 di Loreto Aprutino (PE), Leonardo di Vincenzo del Birrificio Birra del Borgo (RI), Lorenzo Guarino del Birrificio Rurale di Desio (MB), Luigi “Schigi” D’Amelio del birrificio Extraomnes di Marnate (VA), Marcello Ceresa del birrificio Retorto di Podenzano (PC), Nicola Perra del birrificio Barley di Maracalagonis (CA), Pietro di Pilato del birrificio Brewfist di Codogno (LO), Pietro Fontana del Birrificio Birra del Carrobiolo (MB), Riccardo Franzosi del Birrificio Montegioco di Montegioco (AL), Simone Dal Cortivo del birrificio Birrone di Isola Vicentina (VI), Valter Loverier del birrificio Loverbeer di Marentino (TO).

Quelli in corsa per la medaglia d’oro per il Birraio Emergente 2015 sono invece Andrea dell’Olmo del birrificio Vento Forte di Bracciano (Roma), Josif Vezzoli del birrificio Birra Elvo di Graglia (Biella), Matteo Pomposini e Cecilia Scisciani del birrificio MC77 di Serrapetrona (Macerata), Paolo Algeri e Gioia Ravasio del Birrificio Hop Skin di Curno (Bergamo), Stefano di Stefano del birrificio Argo di Lemignano (Parma).

Se volete conoscere e assaggiare le migliori artigianali italiane del momento, non c’è altro posto in cui trovarsi. L’ingresso alla manifestazione costa 10 euro, comprensivi di 5 gettoni (la moneta dell’evento dal valore di 1 euro), di bicchiere in vetro serigrafato e tracollina portabicchiere. Qui la mappa per raggiungere il Teatro Obihall.

(Immagini tratte da: FermentoBirra Magazine)

Share

Leave A Reply

Your email address will not be published.