L'informazione agroalimentare in Umbria

In Umbria le imprese inforcano occhiali rosa. E la crisi diventa opportunità

Share

Per le donne Confcommercio un corso con il trainer Lino Barbasso su come reagire alla difficoltà del periodo

di Redazione

In Umbria l’impresa ha il fiocco rosa, più che in altre regioni d’Italia. Ecco perché è importante, in un periodo di crisi economica come quello che stiamo attraversando, riuscire a trasformare le difficoltà in opportunità. E’ questo l’obiettivo della full immersion che si è svolta ieri e oggi (5-6 marzo) a Perugia, organizzata dal comparto Terziario Donna Confcommercio con la collaborazione del professor Lino Barbasso, docente e trainer in molte parti del mondo, per approfondire il tema “Donne & Governance. Dalle strategie vincenti in periodi di crisi al C.R.M.”.

Le donne hanno una marcia in più quando si tratta di fare impresa, lo dicono i dati. In effetti, la percentuale delle imprese femminili sul totale delle imprese è in continua crescita. In Umbria, rappresentano il 24,71% (23.526 imprese femminili) rispetto al totale delle imprese, una percentuale più alta della media nazionale, che al 31 dicembre 2014 (dati Osservatorio Imprenditoria Femminile – Unioncamere), era al 21,55% (un milione 302.054 imprese femminili). E quest’ultimo dato segna un trend di crescita rispetto allo stesso registrato al 31 marzo 2014, quando la media nazionale era pari al 21,4% e le imprese femminili italiane erano un milione 286mila 906.

“Visto il successo riscontrato nella prima edizione del corso – dice Nela Turkovic Giulietti, presidente Terziario Donna Confcommercio della provincia di Perugia – non abbiamo potuto che accogliere la richiesta delle colleghe di realizzare un ulteriore momento formativo, che è del tutto gratuito e con un coach di fama internazionale, per rafforzare e mettere alla prova le nostre competenze.

I dati, per di più, parlano di una maggiore resistenza delle imprenditrici rispetto alla crisi. Le donne – sottolinea la presidente Turkovic – vincono la sfida del fare impresa perché per loro è tutto più difficile, a cominciare dall’accesso al credito. E continuano a crescere, nonostante il momento così difficile che stiamo attraversando”.

Share

Leave A Reply

Your email address will not be published.