Share
Frantoi Aperti 2015. Novembre tra i borghi dell’Umbria per festeggiare l’olio nuovo

Frantoi Aperti 2015. Novembre tra i borghi dell’Umbria per festeggiare l’olio nuovo

Da Campello ad Assisi, da Spello a Trevi, da Giano a Gualdo Cattaneo, dal Trasimeno alla Valtopina: 5 weekend per gustarsi un’ottima annata. Pronta anche una App per monitorare la mosca olearia

di Redazione

Finalmente l’olio nuovo! Ne abbiamo avuto un gustosissimo anticipo nei giorni scorsi a Panicale, con Pan’Olio, primo festival dell’olio del Trasimeno. Ora, siamo pronti per tuffarci nell’edizione 2015 di Frantoi Aperti. Dal 31 ottobre al 29 novembre 2015 in Umbria, come di consueto ormai da 18 anni, si celebra l’olio nuovo con questo evento che porta in Umbria migliaia di appassionati gourmet da tutta Italia. E non solo. Dopo un 2014 da dimenticare, è senza dubbio l’annata della rivincita. Cinque fine settimana per partecipare a degustazioni, visite guidate, trekking tra gli ulivi, concerti, darsi da fare con la raccolta delle olive e tante attività per grandi e piccini.

Cuore dell’evento sarà il frantoio dove vivere l’esperienza della spremitura delle olive, e l’assaggio del nuovo olio in compagnia del frantoiano che vi accoglierà, spesso davanti ad un focolare, con una buona bruschetta e la voglia di trasmettere l’amore che ha per la sua terra ed i suoi prodotti.

Una delle chiavi di accesso per scoprire la piccola e amena Umbria sarà, anche quest’anno, la rassegna d’arte contemporanea #chiaveumbra, mostra itinerante allestita in alcuni luoghi romiti dei borghi aderenti, aperti per l’occasione, come cascine, chiese campestri, castelli, immersi nel paesaggio olivato e raggiungibili tramite le navette di collegamento dai borghi medievali aderenti ai Frantoi Aperti.

A Trevi in occasione di “Festivol”, evento nell’evento che si terrà il 31 ottobre e il 1° novembre, e ad Assisi per “Unto Assisi” sono in programma corsi e degustazioni di pani e dolci della tradizione umbra, realizzati con la farina umbra del “Molino sul Clitunno” di Trevi, l’azienda con una trentennale esperienza nel mercato delle farine personalizzate. A Giano, sabato 31 e domenica 1° novembre, l’XI edizionione de “La Mangiaunta”, itinerario gastronomico nei frantoi del paese. Spazio anche ai laboratori di cucina, dove verranno presentate ricette tradizionali in abbinamento all’olio nuovo; ad abbellire le tavole dei laboratori saranno ghirlande e composizioni realizzate con rami e foglie del colore dell’autunno fatte durante laboratori dedicati.

QUI TUTTI I FRANTOI ADERENTI E LE INIZIATIVE NI PROGRAMMA

Ma durante la presentazione dell’evento si è colta l’occasione per annunciare, da parte del servizio politiche per l’innovazione, la promozione e fitosanitarie dell’Assessorato all’Agricoltura della Regione Umbria, il programma di monitoraggio della mosca dell’olivo su tutto il territorio umbro attraverso applicativi software di ultima generazione. Il servizio, tramite portale web, dà indicazioni agli operatori sulla presenza del parassita e su modalità e tempi più idonei per intervenire.

Come funziona? Basta collegarsi al sito regioneumbria.agricolus.com o scaricare l’App. “Oliwes – spiega il dirigente del servizio regionale Giuliano Polenzani – è una piattaforma per il monitoraggio della mosca dell’olivo con cui vengono allertati gli agricoltori al primo insorgere della fitopatia. Il programma permette un campionamento della mosca per singoli territori sulla base di un sistema informativo geografico basato su Cloud Computing”. Attraverso trappole distribuite sul territorio si verifica la presenza della mosca e i dati sullo sviluppo dell’insetto vengono inseriti nel sistema direttamente in campo, grazie a una App dedicata o attraverso un sito web responsivo. Queste informazioni possono poi essere integrate da dati sul campionamento delle olive che determinano il corretto momento per intervenire.

Per maggiori informazioni: www.frantoiaperti.net, www.stradaoliodopumbria.it

Leave a Comment