L'informazione agroalimentare in Umbria

I vini francesi riconquistano gli Usa. Italia sorpassata

Share

Persa dopo 8 anni la leadership italiana sul mercato americano. Ora la Francia è il primo esportatore nei mercati più ambiti (Usa, Gran Bretagna e Cina).

di Redazione

Export del vino negli Stati Uniti, storico sorpasso della Francia sull’Italia. Un duello sempre più acceso quello tra i due paesi europei che, dopo due anni di successi tricolore in fatto di volumi produttivi e otto di leadership sulle vendite oltreoceano, decreta la vittoria dei transalpini sul mercato più ambito a livello mondiale. A dare la notizia è stato l’Osservatorio Paesi terzi di Business Strategies che, assieme a Nomisma-Wine Monitor, ha elaborato gli ultimi dati sulle importazioni di vino statunitensi (fonte Dogane) aggiornate al 3° trimestre di quest’anno.

Lo scarto è di “appena” 10 milioni di euro, ma ciò che allarma gli analisti italiani del settore è il repentino recupero francese di circa 160 da gennaio a settembre. Non solo. Come sottolinea Silvana Ballotta, Ceo di Business Strategies, “l’Italia perde il primato più ambito e lo perde male se pensiamo che oggi la Francia è market leader nei primi tre mercati di importazione al mondo: Usa, Gran Bretagna e Cina. Ma fa ancora più male – prosegue – registrare come in un anno di grande crescita della domanda di vino nel mondo, gli Stati Uniti siano diventati la cartina tornasole della nostra ridotta competitività sui mercati globali, frutto di azioni di marketing e promozione deboli e mai sinergiche”.

CANTINE E SOCIAL MEDIA. COSA COMUNICANO LE MIGLIORI, COME E QUANDO

I numeri:

Nel dettaglio, la corsa di Parigi negli Usa fissa la performance in valore nei primi 9 mesi di quest’anno a +18,8%: 6 volte in più dell’incremento italiano (3%), che perde anche il confronto con la crescita complessiva delle importazioni statunitensi di vino (+8%). Il Belpaese vede così diminuire le proprie quote di mercato rispetto allo stesso periodo del 2016 (da 32,7% al 31,1%) soprattutto per effetto della stagnazione delle vendite di vini fermi imbottigliati, dove rimane market leader (962 milioni di euro) ma guadagna in valore solo l’1,6%, contro il +21,4% francese e una media import generale sul segmento del 5,9%.

Sotto tono anche gli spumanti italiani che, pur incrementando dell’8,7%, rimangono in seconda posizione dopo una Francia a +14%.

La tabella con i dati:

USA: import totale vino III trimestre 2017 (valori cumulati e variazione stesso trimestre anno precedente)
Paese fornitore gen-sett 2016 gen-sett 2017 Variazione % 2017/2016
  (Milioni euro) (.000 hl) (Milioni euro) (.000 hl) Valori volumi
Francia               1.026,8             1.026,9               1.219,6             1.243,5 18,8% 21,1%
Italia               1.175,0             2.385,9               1.209,9             2.473,1 3,0% 3,7%
Totale Mondo               3.596,0             8.145,1               3.882,9             8.959,8 8,0% 10,0%

Fonte: Osservatorio Paesi terzi Business Strategies – Nomisma Wine Monitor su dati dogane

Share

Leave A Reply

Your email address will not be published.