La salute dei ragazzi a tavola: al via la formazione del Ministero per le scuole

Share

Un ciclo di seminari rivolti ai docenti delle scuole primarie che intendono aderire al Programma europeo “Frutta nelle scuole”. In Umbria il prossimo 12 marzo

di Redazione

Incentivare il consumo di frutta e verdura tra i bambini partendo dall’educazione. E’ l’obiettivo del progetto “Frutta nelle scuole”, un programma europeo che ha lo scopo di formare gli insegnanti per aiutarli a diffondere nei ragazzi di età compresa tra i sei e gli undici anni la cultura della sana alimentazione.

Così il Ministero delle Politiche Agricole ha incaricato il Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (Cra) e il  suo Centro per la Nutrizione (Nut) di realizzare un ciclo di corsi rivolti ai docenti delle scuole primarie che intendono aderire al programma. I temi che saranno affrontati negli incontri, con strumenti e conoscenze scientifiche messe a disposizione proprio dal personale del Cra-Nut, saranno la maggiore conoscenza degli alimenti sani, l’educazione al gusto, l’analisi del legame tra alimentazione e stile di vita attivo e l’interiorizzare il concetto di “peso sano”.

Iniziato martedì 10 febbraio a Roma e a Padova, il ciclo di seminari continuerà fino a tutto il mese di aprile nelle principali città italiane. In Umbria, l’appuntamento sarà a Perugia il prossimo 12 marzo e, per gli insegnanti che non potranno seguire la formazione frontale, il Cra-Nut promuove anche corsi in modalità e-learning. Per prenotare i posti e avere maggiori dettagli si può chiamare il numero 06/51494406 o consultare la pagina web www.fruttanellescuole.gov.it o quella Facebook www.facebook.com/www.fruttanellescuole.it.

“Nell’anno di Expo, il più importante ente italiano di ricerca nell’agroalimentare – ha detto il direttore generale Ida Marandola – dà il suo significativo contributo, attraverso le conoscenze dei suoi ricercatori, all’educazione alimentare. Un tema che, non solo come Istituzioni, ma anche come cittadini e genitori deve vederci tutti coinvolti in prima linea per la salute dei nostri figli”.

Per saperne di più sul Programma europeo “Frutta nelle scuole”

Share

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.