L'informazione agroalimentare in Umbria

Olio e vino, a Orvieto si celebra l’antico patrimonio degli Etruschi

Share

Da martedì 28 fino a venerdì 31 luglio una manifestazione dedicata alla storia e alle bontà della città. Gli appuntamenti dedicati al cibo

di Redazione

Quattro giorni di eventi culturali e degustazioni per raccontare l’antica Etruria e uno dei suoi più importanti centri culturali. Si chiama “Orvieto Caput Etruriae” ed è un evento dedicato alla storia, alle bellezze e alle bontà della città umbra che si svolgerà da martedì 28 fino a venerdì 31 luglio.

La manifestazione, promossa dal GAL Trasimeno Orvietano, con il supporto del Comune di Orvieto e la partecipazione di Condotta Slow Food Orvieto, nasce all’interno del Progetto “Experience Etruria“. Si tratta di quattro appuntamenti di musica, cultura, storia, letteratura ed enogastronomia più due piccole mostre che si terranno in diverse location storiche e archeologiche della città: dalla Chiesa di San Giacomo in Piazza Duomo, alla Sala delle Macine al Parco delle Grotte di Orvieto, al Pozzo di San Patrizio e alla Necropoli del Crocifisso del Tufo.  Una serie di eventi in sequenza divisi per temi: le vie dell’Acqua, le vie del Vino, le vie dell’Olio, le vie dei Santi e degli Spiriti di Pietra, le vie dei Boschi e le vie degli Orti. Ovvero le più importanti risorse turistiche e ambientali dell’orvietano.

Tra i vari appuntamenti (qui il programma completo) segnaliamo in particolare quelli dedicati al cibo. Si parte mercoledì 29, alle 19 al Parco delle Grotte, con “Le vie dell’Olio”, una narrazione delle vicende storiche legate all’olio, il ruolo di questo nei riti e nell’alimentazione, la scoperta dei diversi recipienti etruschi dedicati alla conservazione del prodotto. Partecipano Claudio Bizzarri (Archeologo) ed Eugenio Ranchino (Agronomo). Poi, venerdì 31 alle 18.30 alla Necropoli del Crocifisso del Tufo, “Le vie del Vino“: una serata dedicata al vino nella storia di Orvieto, dagli Etruschi ai giorni nostri. Un’esperienza sensoriale che nasce dal bacchetto antico e il ruolo del vino nella convivialità storica. Partecipano Claudio Bizzarri (Archeologo), Lorenzo Benini (Trust Sostratos), Maria Cristina De Angelis (Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Umbria). A seguire, presentazione della mostra “Il Banchetto dei Vini e il Cibo Eterno”, che mira a rappresentare la quotidianità del cibo presso gli Etruschi di Velzna e l’idea sovrannaturale del cibo eterno riservato agli dei, così come viene restituita dagli affreschi della tomba Golini.

Per tutte e quattro le sere, al termine degli eventi, sono previste degustazioni di vino e altre bontà gastronomiche offerte da Cooperativa OASI Agricola e Azienda Agricola Bio Janas. Le serate sono a ingresso gratuito. Per maggiori informazioni Tutte le informazioni sono disponibili su InOrvieto.it e ExperienceOrvieto.it.

Share

Leave A Reply

Your email address will not be published.