Villaggio Pastamore conquista Primi d’Italia con Massimo Bagnato (gallery)

Share

A Foligno, cena-spettacolo con il comico di Zelig innamorato dell'Umbria. E in piazza Pulignani la Rievocazione storica della trebbiatura di Cannaiola di Trevi

di Emanuela De Pinto

Primi d'Italia a Foligno: terzo giorno. Villaggio Pastamore del sedano nero e delle eccellenze di Trevi cala l'asso. Anzi, due. Il cibo diventa spettacolo in Piazza Pulignani e nella Taverna Giotti. Due i momenti speciali che vi raccontiamo, proprio mentre lo staff di Ivan e Giada, titolari del pastificio trevano, organizzatori del Villaggio, sono alle prese con gli ultimi preparativi e la piazza si riempie di curiosi.

pastamoreAl centro, un antico mulino e un grande setaccio per il grano: è la Rievocazione storica della Trebbiatura di Cannaiola di Trevi. Un evento che dal 1985 viene riproposto con rinnovato successo nel mese di luglio nel piccolo borgo umbro. All'opera, davanti alla spianatoia, quattro ragazze d'altri tempi (ci piace definirle così): le signore Maddalena, Mariateresa, Angela e Isabella, alle prese con strangozzi e tagliatelle, preparate a mano secondo tradizione. Solo uova, acqua e farina. E tanto amore. E' questo il primo piatto che non può mancare durante la festa della trebbiatura e che viene condito rigorosamente con sugo d'oca.

Intorno al mulino, in piazza, una serie di bellissime fotografie storiche che immortalano il duro lavoro dei contadini d'un tempo. "C'era la fatica, ma c'era anche la gioia e la soddisfazione di sapere che il pane sulle tavole non mancava mai – racconta Patrizio Ercolanetti, presidente dell'Associazione che organizza la Rievocazione storica della Trebbiatura di Cannaiola di Trevi -. Il nostro è un paese rurale, di campagna, dove queste tradizioni sono ancora vive e non devono essere cancellate. Tramandare le proprie origini, le proprie radici, da padre in figlio, è un patrimonio che non si deve perdere". Alcuni visitatori rimangono incantati davanti alle foto: "Ecco, questi sono i miei ricordi di gioventù", commenta un'anziana signora. Le tradizioni si imparano, e con le mani in pasta c'è anche Selene, due anni, che si diverte in mezzo alle cuoche provette. Generazioni a confronto: in fondo, non molto è cambiato.

pastamoreAl Villaggio Pastamore di Trevi, a Foligno, scende la sera. E per cena la Taverna Giotti si prepara a un pubblico speciale per una guest star che il popolo di Foligno (e dell'Umbria in generale) ama in modo particolare: il comico di Zelig, Massimo Bagnato. Non ne avrebbe bisogno, ma vi diamo comunque un indizio, vi ricordate il motivetto che faceva più o meno così? "Semo gente di Fuligno, semu fatti cuscì…". Ridete già, vero? Ci siamo capiti… E' romano, ma il suo amore per l'Umbria lo porta spesso qui. La spalla sarà Maurizio Rosi, ex ballerino Rai. Chi ha una memoria di ferro lo ricorderà in "Noi no", trasmissione del 1977 con gli indimenticabili Sandra e Raimondo Vianello, prima trasmissione televisiva a colori in Italia.  

pastamoreAppuntamento alle ore 21. Stasera, 27 settembre, la cena-spettacolo prevede un menù davvero goloso: in apertura, l'aperitivo rosé della Cantina Tiburzi; come antipasto uno sformatino farro e pecorino, a seguire i favolosi tortellini Pastamore ripieni di carne e serviti con burro fuso e tartufo, gli strangozzi con guanciale, pomodori pachino e una cascata di ricotta salata grattuggiata fresca. Andiamo ai secondi: non può mancare il sedano ripieno, accompagnato dalle lumache dell'azienda "La Lumacheria" di Trevi. Come dolce, una bavarese con crema al caffè e gli assaggini di Rocciata (tipico dolce umbro) e crostata al sedano che. a Primi d'Italia, potete degustare solo in questo Villaggio. Forchette in posizione, che lo spettacolo abbia inizio.      

Il programma completo: www.villaggiotrevi.it

Infoline e prenotazioni 331.7241201     

Share

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.