L'informazione agroalimentare in Umbria

Tutti invitati a Terni On, festa con piatti a chilometro zero

Share

Protagonisti due ristoranti di "Campagna amica nel piatto": La Clessidra e Il Convivio. Gustose ricette, anche in versione street food, con i prodotti delle aziende territorio

di Redazione

Anche le eccellenze delle imprese agricole del territorio saranno tra le protagoniste di “Terni On”, la manifestazione di questo fine settimana (19, 20, 21 settembre), all’interno della quale si svolgerà la notte bianca, grazie a due ristoranti della città “La Clessidra” e “Il Convivio”, accreditati come “Ristoranti di Campagna amica nel piatto”, che proporranno appositi piatti a chilometro zero anche in versione “street food”.

"Campagna Amica nel Piatto – spiega Coldiretti – identifica quegli esercizi commerciali di somministrazione di pasti e bevande, che nel loro menù del giorno, hanno almeno un piatto di Campagna amica, ossia una portata il cui ingrediente primario proviene esclusivamente da aziende agricole accreditate".

Fondazione Campagna amica, riconosce ai “suoi” ristoranti, il ruolo di “ambasciatori” del gusto e della qualità della vera cucina tradizionale, composta dalle mille produzioni dei territori italiani: una trentina quelli già accreditati in provincia di Terni.

Formaggi, vini, olio extravergine di oliva, legumi, ortaggi, carni: questi alcuni dei prodotti che aziende agricole locali della Coldiretti forniranno ai due esercizi commerciali per l’occasione, per proporre sfiziosi piatti a base di eccellenze locali ma anche “cibo da strada”.

"In Italia – afferma Massimo Manni, presidente Coldiretti Terni – quindici milioni di cittadini nel 2013 hanno fatto la spesa dal contadino nelle fattorie o nei mercati degli agricoltori con un aumento del 25 per cento rispetto all’anno precedente e un fatturato complessivo della spesa a chilometri zero stimato in 3 miliardi di euro. Come Coldiretti Terni – aggiunge Manni – stiamo moltiplicando l’impegno per arricchire sul territorio, la presenza di Mercati, punti vendita aziendali (fattorie), botteghe e anche ristoranti di Campagna amica".

"Tutto questo – conclude Manni – permette di valorizzare ulteriormente la filiera tutta agricola e tutta italiana, che mira, tra l’altro, alla diffusione di una nuova cultura dell’educazione alimentare di qualità".

Share

Leave A Reply

Your email address will not be published.