L'informazione agroalimentare in Umbria

Villaggio Pastamore, debutto di gusto per Trevi in trasferta (gallery)

Share

Al via Primi d'Italia, a Foligno. Anche il Villaggio Pastamore del sedano nero e delle eccellenze di Trevi apre al pubblico. Ed è subito successo. Ecco le specialità da gustare alla Taverna Giotti

di Emanuela De Pinto

Siamo a Foligno, ma profumi e visioni ci suggeriscono Trevi. Non è uno scherzo del navigatore satellitare: al via oggi 25 settembre, Primi d'Italia, l'evento che per quattro giorni, fino a domenica 28, riempirà le vie della città della Quintana della migliore gastronomia del Centro Italia. La redazione di Saperefood è in missione speciale al Villaggio Pastamore del sedano nero e delle eccellenze di Trevi, in piazza Pulignani: un'idea di Ivan Salsi e Giada Venturini, titolari di Pastamore, il brand di pasta secca artigianale trafilata al bronzo (e aromatizzata al sedano nero, al peperoncino, al cacao maro, al sagrantino, al tartufo, e chi più ne ha più ne metta).

primi d'italiaVillaggio Trevi, con la Taverna Giotti, è uno show gastronomico a 360 gradi. Tanti gli eventi che racconteremo in questi giorni. Iniziamo dagli stand delle eccellenze alimentari che potrete visitare e dai piatti che potrete gustare. In mostra tantissime delizie che si possono assaggiare direttamente in Taverna. Cominciando con un aperitivo, non potete perdervi i "Formaggi di Achille" dell'azienda agricola Ciarletti Cristina. Se poi amate l'esperienza sensoriale degli abbinamenti, allora accompagnate pure questi pecorini alle confetture dell'Azienda Cardarelli Zappelli (la marmellata di melograno è una vera chicca). I vini sono Tiburzi, cantina di Montefalco che si caratterizza per prodotti "di nicchia" dall'ottimo rapporto qualità prezzo, ma se preferite una buona birra potete scegliere quella artigianale del Birrificio dei Perugini, che produce Ale, Ipa e Porter.

Già al primo giorno di Primi d'Italia, la Taverna Giotti si riempie di golosi che hanno scelto Villaggio Pastamore Trevi per la cena. Si può scegliere cosa e come mangiare: in una elegante sala con camino al piano superiore, con menù completo e servizio al tavolo, oppure self service nelle grandi sale al piano terra. L'atmosfera è calda e accogliente: lunghi tavoli in legno, travi a vista, alle pareti le fotografie in bianco e nero dell'antica trebbiatura di Cannaiola (a proposito… sabato non mancheranno le sorprese).    

primi d'italiaEcco il doppio menù. Partiamo dal servizio al tavolo: il menù completo a 20 euro comprende i fusilli di sedano (un must di Pastamore) alla Gricia, con pancetta e pecorino; la zuppa di legumi farro e ortica; il capocollo con uova e cipolline, accompagnato da un classico trevano irrinunciabile, la parmigiana di sedano. Per il menù self service, a 7,50 euro, un tris di primi da capogiro: triangoli con pasta di sedano Pastamore ripieni di ricotta di pecora, caprino e tartufo in salsa di burro al tartufo; strangozzi con guanciale, pomodori pachino e ricotta salata; gigli con sugo in porchetta.

Non siete ancora sazi? Potrete ordinare le lumache al sugo dell'Azienda agricola 3T, che produce anche i legumi, (vi leccherete le dita) o il Re della cucina trevana: sua maestà il sedano ripieno. A vista, il cuoco Carlo Caporicci prepara il piatto special: "cappelletti vintage" con tartufo. Il tartufo proviene dalla Tenuta San Pietro a Pettine, un'azienda agricola che con i suoi boschi secolari produce eccellenti tartufi da oltre 60 anni. A fine pasto, non fatevi mancare i dolci forniti dal Panificio Verzari. Buonissimi i biscotti secchi al cioccolato e al Sagrantino da inzuppare nel Vin santo, anche se la vera specialità è la crostata al sedano nero e ricotta, che trovate nel menù in Taverna insieme alla Rocciata. Al Villaggio Pastamore Umbria delle eccellenze di Trevi, anche il caffè è a chilometro zero: quello di Walé Food, di Borgo Trevi, è un caffè da moka da torrefazione artigianale.

primi d'italiaLa prima giornata si chiude così: lasciamo gli ospiti di Villaggio Pastamore Trevi alla loro serata fatta di convivialità, ottima accoglienza e eccellente gastronomia tradizionale. Domani, venerdì 26 settembre, la lezione sul sedano nero alle ore 16. Parla l'esperto di tradizioni popolari Franco Spellani. Infine, ci prepariamo per la cena-spettacolo in Taverna Giotti, sabato alle 21. Cenerete in compagnia di Massimo Bagnato, il comico romano che voleva nascere in Umbria. Risate garantite.  

Per il programma completo: www.villaggiotrevi.it/   

 

 

Share

Leave A Reply

Your email address will not be published.