L'informazione agroalimentare in Umbria

Caccia, l’Umbria dice no alla chiusura anticipata di tordo, cesena e beccaccia

Share

Renzi impone lo stop alla caccia delle tre specie il 20 gennaio, ma l’assessore Cecchini ribadisce la validità dell’attuale calendario venatorio

di Redazione

Braccio di ferro tra la Regione Umbria e il Governo Renzi sulla caccia. “La Regione Umbria ribadisce la validità del calendario venatorio 2015-2016, predisposto e approvato nel pieno rispetto della legge nazionale sulla caccia, e pertanto non anticiperà al 20 gennaio la chiusura alle specie tordo bottaccio, cesena e beccaccia come imposto da un decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri”. È quanto afferma l’assessore regionale alla Caccia, Fernanda Cecchini, sottolineando che “purtroppo si sta ripetendo la situazione di criticità di un anno fa che si sarebbe potuta evitare se, come richiesto dalle Regioni al tavolo tecnico con i Ministeri dell’Agricoltura e dell’Ambiente, si fosse proceduto alla modifica della normativa nazionale rendendola coerente con la normativa comunitaria. Evidentemente – rileva – il Governo non ritiene necessario adeguare la legge nazionale 157/92 che indica i periodi del prelievo venatorio e che, per le tre specie interessate dal decreto, prevede la chiusura al 31 gennaio come abbiamo confermato con il nostro calendario anche per questa stagione venatoria”.

Analogamente a quanto accaduto nel gennaio 2015, il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri diffida le Regioni Umbria, Toscana, Liguria, Marche, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Puglia, Calabria e Lombardia a disporre entro 15 giorni l’anticipo della chiusura alle specie tordo bottaccio, cesena e beccaccia al fine di conformare i rispettivi calendari venatori alle direttive comunitarie. Nel caso di inadempienza, sarà il Governo che modificherà i calendari venatori approvati dalle Regioni, avvalendosi del potere sostitutivo.

“Da anni – ricorda l’assessore Cecchini – le Regioni stanno chiedendo al Ministro competente di confermare o modificare i periodi di caccia stabiliti nell’articolo 18 della legge nazionale e di sostenere in sede europea l’effettiva uniformità dei provvedimenti in materia venatoria. Dopo il ‘commissariamento’ dello scorso anno, abbiamo dato la nostra collaborazione per trovare soluzioni alle diverse problematiche ed evitare così anche possibili procedimenti di infrazione a carico dell’Italia da parte dell’Unione Europea. Non siamo disposti perciò a subire questo nuovo atto d’imperio – conclude l’assessore – ma chiediamo che una volta per tutte il Governo faccia chiarezza su obblighi e periodi cacciabili, non scaricando sulle Regioni la responsabilità di eventuali violazioni delle direttive comunitarie, in modo da poter lavorare al nuovo calendario sulle base di regole indiscutibili e condivise”.

Share
1 Comment
  1. francesco says

    ma quale normativa europea che il tordo viene cacciato sino al 28 febbraio nelle altre nazioni ………………….il calendario è stato approvato questi buffoni non devono permettersi di modificarlo ed inoltre dovrebbero conoscere dal punto di vista ornitologico la biologia di ogni singola specie ma chi c …………..ci gestisce forza associazione fate qualcosa di serio invece di stare al tavolino a macinare tessere

Leave A Reply

Your email address will not be published.