Share
L’Università dei Sapori porta la tavola umbra al ‘Come Festival’ del Messico

L’Università dei Sapori porta la tavola umbra al ‘Come Festival’ del Messico

L’Umbria dell’olio, del tartufo, del vino e della pasta in vetrina per l’evento gastronomico più importante del Paese sudamericano.

di Redazione

E’ Università dei Sapori a rappresentare la Regione Umbria nel prestigioso ‘Come Fest’, il Festival di gastronomia più importante del Messico, che si svolge  a Guadalajara, sino a domenica 6 marzo. Tre i momenti intorno ai quali si articolerà la missione, alternando l’aspetto promozionale e commerciale all’ambito dimostrativo, sino a quello istituzionale e di outsourcing, con l’obiettivo di mettere in campo un’azione di promozione integrata della regione Umbria per agganciare nuovi mercati interessati ai prodotti enogastronomici italiani e promuovere, contestualmente, un’immagine di alta qualità della vita del nostro territorio.

A UDS il compito di coordinare gli eventi di promozione delle aziende agroalimentari umbre, produttrici di olio, tartufo, pasta, vino attraverso laboratori, degustazioni guidate e cooking show, con oltre 400 partecipanti. Da tempo impegnata sul fronte internazionale, Università dei Sapori avrà anche l’occasione per traguardare altri prestigiosi obiettivi e stringere accordi con tre prestigiosissime università gastronomiche di Guadalajara: Colegio gastronómico Internacional, Esdai de la Universidad Panamericana, Unico (Universidad Autónoma de Guadalajara). Gemellaggi capaci di innescare grandi sinergie culturali, considerando che la gastronomia messicana, come la dieta mediterranea, è patrimonio mondiale dell’Unesco e Guadalajara in particolare è la seconda città del Paese, con 4,2 milioni di abitanti, con una delle economie più floride del Messico.

Negli ultimi anni, in particolare, è teatro di una importante crescita delle attività nel settore della ristorazione. Al Come Fest Università dei Sapori, grazie al proprio know how, è chiamata a trasferire le esperienze umbre, in tema di valorizzazione territoriale, attraverso la promozione delle eccellenze produttive, agroalimentari, enogastronomiche locali e tipiche, volte a favorire la più ampia conoscenza possibile da parte degli operatori del  settore turismo e più in generale della filiera agroalimentare circa le differenti peculiarità produttive, commerciali e distributive.

L’ECONOMIA DEL MESSICO E LO SCAMBIO CON L’ITALIA

Con oltre 115 milioni di abitanti, un Pil di poco superiore ai 1.358 miliardi di dollari, membro dell’Ocse e del G20, il Messico è la 11ª economia mondiale e la seconda dell’America Latina dopo il Brasile. L’economia messicana ha dimostrato negli ultimi anni un forte dinamismo, con un buon andamento dei consumi interni, degli investimenti e delle esportazioni. Nel 2014, il Pil messicano è cresciuto del 4,2% (dopo un -6,2% nel 2009, +5% nel 2010 e +3,9% nel 2011, la conferma della crescita di un paese in ascesa. Con trattati di libero scambio vigenti con più di 40 paesi, il Messico è l’economia più aperta dell’America Latina, all’interno della quale è il primo esportatore, e rappresenta per l’Italia il secondo mercato di riferimento del Continente Americano (dopo gli Usa e unitamente al Brasile).

Il 2012 è stato un anno record per l’interscambio bilaterale Italia-Messico, che ha raggiunto i 4,7 miliardi di euro (+11% rispetto al 2011), con un saldo a favore dell’Italia di 2,7 miliardi di euro. Le esportazioni italiane in Messico sono state pari a 3,7 miliardi di euro (+15,9%), mentre le esportazioni messicane in Italia si sono attestate a circa 1 miliardo di euro (+4,6%). L’Italia consolida, quindi, il ruolo di secondo fornitore europeo, dopo la Germania, e di terzo partner commerciale europeo (dopo Germania e Spagna). Nella pagina Ufficiale del nostro Ministero degli Esteri, viene chiaramente indicato come i settori alimentari e bevande ricoprono in questo momento uno dei principali comparti di esportazione del nostro paese verso il Messico.

I NUMERI DEL ‘COME FEST’

 4 Edizioni

30.000 i visitatori tra addetti ai lavori e pubblico pagante

 200 chefs partecipanti

2 i Paesi stranieri invitati nell’edizione 2016: Italia (Regione Umbria), Svizzera. Nell’edizione 2015 fu la Francia.

 2 aree espositive

 2 aree teatro per Cooking show da 400 posti

 5 laboratori per dimostrazioni, seminari, degustazioni

www.comefest.com

Leave a Comment