L'informazione agroalimentare in Umbria

Saperefood oltreoceano, grazie a Il Cittadino Canadese e Tribuna Italiana

Share

Accordo con due storici giornali italiani all'estero: "Il Cittadino Canadese", diretto da Vittorio Giordano, e "Tribuna Italiana" di Marco Basti. Le nostre food stories in Canada e Argentina

di Redazione

Saperefood sbarca oltreoceano. Grazie all’appoggio di importanti giornali italianissimi, nei contenuti e nella lingua, ma pubblicati all’estero. Da oggi potete leggere le nostre food stories (le storie aziendali che parlano di eccellenze alimentari italiane) anche su due giornali che hanno fatto la storia degli italiani emigrati: "Il Cittadino Canadese" e "Tribuna Italiana". Ecco una breve presentazione di entrambi.

‘Il Cittadino Canadese", settimanale edito a Montréal dal lontano 1941, costituisce ancora oggi un fondamentale anello di congiunzione tra la Madrepatria e gli immigrati in Nord America. E’ il giornale più antico e diffuso in Québec e in Canada, fondato da Antonino Spada in piena seconda guerra mondiale.

Per circa un decennio, dal 1941 al 1951, “Il Cittadino Canadese” è quasi il solo, e di certo il più autorevole, portavoce degli interessi degli italiani in Canada. Nel 1958, ad Antonino Spada subentra Nick Ciamarra, proprietario della testate fino al 1986. Sono anni di battaglie politiche e sociali, combattute senza risparmio di energie, con iniziative che raggiungono risultati lusinghieri. Il 6 agosto del 1986 Basilio Giordano pubblica come editore il suo primo numero del Cittadino. Nel gennaio 2008, prima della nomina a Senatore della Repubblica, Basilio Giordano cede il timone della testata alla moglie Nina Mormina, un’autentica ‘macchina da guerra’ per coraggio, dedizione e impegno quotidiano.

Nel tempo “Il Cittadino Canadese” è cresciuto ed ha conquistato prestigio ed autorevolezza. Negli ultimi anni i corrispondenti sono aumentati, i punti di distribuzione sul territorio più che raddoppiati: dovunque c’è la presenza italiana, lì arriva Il Cittadino Canadese. Tra le battaglie vinte, forse la più prestigiosa della storia del Cittadino: lo sbarco di Raitalia anche in Canada. Oggi la tiratura del giornale è di 15mila copie, tra abbonamenti e distribuzione nei centri comunitari e commerciali nevralgici della città. Il giornale viene letto anche a Toronto, Ottawa, Québec, Edmonton e Vancouver. Oggi, direttore del giornale è Vittorio Giordano, giovane giornalista che porta avanti con impegno il prestigio de “Il Cittadino Canadese” con rinnovato impegno e un forte spirito d’iniziativa.

“Tribuna Italiana” è il periodico della comunità italiana in Argentina. E’ un settimanale fondato da Mario Basti il 18 maggio 1977, come ideale continuatore del Corriere degli Italiani, creato da Ettore Rossi nel 1949 e diretto tra il 1960 e il 1977 da Mario Basti. Il dottor Basti, con l'appoggio di un gruppo di dirigenti della collettività, fondò “Tribuna Italiana” ispirandosi agli stessi principi del periodico nel quale aveva lavorato per quasi trent’anni: l’unione della collettività, l’appoggio alle sue istituzioni rappresentative, la riscoperta e la valorizzazione dell’opera degli italiani in Argentina, l’apertura alle nuove generazioni, la diffusione della cultura italiana e l’informazione sull’Italia, mettendo in risalto gli aspetti della sua crescita civile, culturale, sociale.

Da allora “Tribuna Italiana” è rimasta fedele a tali obiettivi ed è riconosciuta per la sua difesa delle associazioni della collettività, per la sua serietà ed obiettività, per le quali gode di prestigio e rispetto nella comunità italiana dell'Argentina. Dal 1998 il settimanale è diretto da Marco Basti, che fece le sue prime esperienze in campo giornalistico per due anni nel Corriere degli Italiani e ha fatto parte dello staff della “Tribuna Italiana” fin dalla sua fondazione.

“Tribuna Italiana” esce tutti i mercoledì e viene distribuita in abbonamento in tutta l’Argentina (con abbonati in tutte le province) che ricevono il periodico per posta o attraverso la vendita nelle edicole, nella Capitale e nel Gran Buenos Aires. I suoi lettori sono in gran parte piccoli imprenditori e professionisti e una parte è costituita anche da figli di italiani tra i quaranta e i cinquantacinque anni. E’ molto diffuso tra i dirigenti delle associazioni italiane e per la sua serietà e validità informativa, è utilizzato come strumento di lavoro da diecine di programmi radiofonici in tutta l’Argentina, che riprendono dalle sue pagine informazioni sulla collettività o sull’Italia. Viene usato anche dagli alunni dei corsi di italiano che si tengono in tante città dell’Argentina.

Un ringraziamento speciale ai direttori Vittorio Giordano e Marco Basti da tutta le redazione di Saperefood e dai nostri lettori. Altre collaborazioni importanti sono all'orizzonte, anche in Europa

Il sito de Il Cittadino Canadese

Il sito di Tribuna Italiana

Share

Leave A Reply

Your email address will not be published.