Share
Maggio, ogni paese una sagra. Weekend tra oca, lumache e porchetta

Maggio, ogni paese una sagra. Weekend tra oca, lumache e porchetta

A Castelnuovo si celebra San Pasquale, a Casteltodino la Festa di Primavera, a San Terenziano torna il Festival delle porchette. Tutti gli eventi del fine settimana in Umbria.

di Redazione

(Per segnalare un evento scrivete a: redazione@saperefood.it)

S. Valentino della Collina (Pg) – Sagra della torta al testo già della Ciliegia

Dieci giorni di festa: dal 13 all 22 maggio. Musica popolare e buon cibo è l’abbinamento di questa sagra paesana ricca di ingredienti. Ogni sera un menù diverso e un gruppo emergente che propone musica live e cover famose. Protagonista indiscussa la torta al testo tipica della gastronomia umbra, da gustare farcita con salsicce, rucola e formaggio, prosciutto, verdura, barbozzo. Non mancheranno carne di maiale e puntarelle. Ma anche i primi caratteristici come le tagliatelle con rigaglie, le pappardelle al sugo di cinghiale, gli gnocchi al sugo d’oca e gli umbricelli fumè.

Castelnuovo (Pg) – Festa di San Pasquale e Sagra della gastronomia Castelnovese

Torna puntuale nel mese di maggio questa sagra dedicata al santo patrono del piccolo paese ai piedi di Assisi. Dal 13 al 15 maggio tanti appuntamenti: dalla corsa dello Scopetto (gara podistica) al raduno di auto d’epoca, dalle mostre di pittura alle serate danzanti con diverse orchestre. Anche qui, taverne aperte la sera per mangiare come umbro comanda: crostini alla lumaca, lumache in porchetta e al sugo, penne alla norcina, polenta ai profumi del bosco, agnello, baccalà e tanti dessert, dall’arvortolo alla zuppa inglese.

San Terenziano (Pg)- Porchettiamo 2016

Torna uno degli eventi più attesi dell’anno, il ‘Festival delle Porchette’. A San Terenziano di Gualdo Cattaneo questo weekend potrete assaggiare moltissime delizie, delle vere e proprie chicche dello street food italiano. L’Umbria è rinomata per la sua porchetta e fa scuola in tutta Italia, e anche all’estero. Ogni borgo ha la sua, farcita con spezie ed erbe aromatiche, e succulenti fegatini. Ma non mancheranno gli stand provenienti da tutto lo stivale, per gustare pane&panelle, olive ascolane e arancini di Sicilia. Tutto in abbinamento alle birre artigianali, selezionate da Fermento Birra, e ai vini della Strada del Sagrantino. ( www.porchettiamo.com)

Casteltodino (Tr) – XXII Festa di Primavera

Questa tradizionale festa è organizzata dall’Associazione PortAperta e dalla Proloco di Casteltodino. In programma tanti appuntamenti: la mostra-mercato di fiori e piante, la mostra canina amatoriale e le gare di agility per trascorrere con gli amici a 4 zampe una giornata all’insegna della spensieratezza e del divertimento, infine la spettacolare ‘Dama fiorita’ prevista  domenica 22, il gioco della dama vivente. Ogni sera le taverne saranno aperte a partire dalle ore 19:30. Due le specialità da segnalare: l’oca arrosto con patate e la pizza al testo alla casteltodinese, senza lievito.

Montefranco (Tr) – Rievocazione storica Montefranco 1444-2016

Da venerdì 13 a domenica 15 maggio torna questa tradizionale festa in onore al frate Bernardino da Siena, pellegrino di passaggio a Montefranco, dove compì diversi miracoli: il più famoso la comparsa di tanto pane fresco nella madia di una povera vedova a cui aveva chiesto accoglienza. Una festa che ci riporta indietro di 600 anni, e in cui anche il cibo è di grande importanza. Spazio agli antichi piatti come le ciriole ripiene, le lenticchie e tanto altro.

Orvieto – Orvieto in Fiore

Un weekend per celebrare la tradizionale Festa di pentecoste, in cui la città si veste di fiori: in vetrina, sui balconi e per le vie. Appuntamenti cruciali sono la Mostra Mercato florovivaistica in cui vengono proposte anche le eccellenze gastronomiche del territorio e i tanti laboratori dedicati a grandi e piccini. Come la “cucina con la natura” di sabato, in cui si prepareranno torte di fango, minestre e manicaretti con erbe e fiori, “impariamo a fare gli gnocchi” e la “cena fiorita d’una notte di primavera”, che si terrà in piazza a cura del Ristorante il Saltapicchio con prenotazione obbligatoria.

Leave a Comment