L'informazione agroalimentare in Umbria

Cinghiali e lupi, aziende agricole umbre in emergenza

Share

Chiesto un Tavolo di crisi all’assessore regionale all’Agricoltura. Coldiretti Umbria: “Ingenti perdite economiche”.

di Redazione

Con una lettera a firma del presidente regionale Albano Agabiti, Coldiretti Umbria ha richiesto all’assessore regionale all’Agricoltura Fernanda Cecchini, la costituzione urgente di un “Tavolo di crisi” presso l’assessorato, che si occupi e faccia il punto sull’emergenza danni da fauna selvatica.

Una problematica che, come si legge nella lettera, continua a generare forti preoccupazioni e crescenti tensioni tra gli agricoltori ed i cittadini del territorio. Sono in particolare i cinghiali – spiega Coldiretti – ad infliggere ingenti perdite economiche alle imprese agricole, oltre che a causare pericoli ed allarmi per l’intera comunità, sul fronte della pubblica sicurezza. Nonostante l’annosità del problema, tra l’altro – riferisce Coldiretti – mai come quest’anno vengono segnalate, da tutti i territori della regione, già numerose devastazioni che interessano le colture autunno-vernine, in avanzato stato vegetativo.

Una situazione insostenibile, cui vanno aggiunte – prosegue Coldiretti – le sempre più frequenti notizie che riguardano la presenza di lupi in alcune aree del territorio, che minacciano aziende agricole e allevamenti.

Anche alla luce del nuovo contesto normativo europeo – è riportato ancora nella lettera del presidente Agabiti – che “complica” ulteriormente la possibilità di risarcimenti agli imprenditori agricoli, Coldiretti ribadisce come solo con una più efficace attività di prevenzione si possano limitare i danni e di conseguenza gli indennizzi alle aziende agricole. Ma – conclude Coldiretti – occorre altresì anche una modifica urgente di tutta la vigente normativa regionale in materia, a partire dal ruolo e dalle funzioni degli ATC (Ambiti territoriali di caccia), in un’ottica di maggior efficacia e riduzione dei costi per la pubblica amministrazione.

Share

Leave A Reply

Your email address will not be published.