Share
Ad Agriumbria2015 il futuro di agricoltura e zootecnia

Ad Agriumbria2015 il futuro di agricoltura e zootecnia

Appuntamento al Polo fieristico di Bastia Umbra, dal 27 al 29 marzo. La mostra nazionale dell’agroalimentare è un’importante occasione di confronto e visibilità per gli operatori del settore

di Redazione

Tutto sul mondo dell’agricoltura e della zootecnia: appuntamento con Agriumbria 2015, al Polo fieristico di Bastia Umbra, dal 27 al 29 marzo. La mostra nazionale dell’agroalimentare, giunta alla sua 47esima edizione, è un’importante occasione di confronto e visibilità per gli operatori del settore. Ma quest’anno rappresenta anche una vera e propria anteprima di Expo2015. In linea con la filosofia dell’atteso evento internazionale, infatti, le colonne portanti della manifestazione saranno sviluppo, sicurezza e sostenibilità ambientale.

Da quest’anno grande spazio a corsi, workshop e stazioni di assaggio di prodotti agricoli, rivolti soprattutto agli alunni delle scuole. Conoscere l’origine del cibo, infatti, sarà uno dei temi principali della manifestazione. Poi, tante innovazioni tecnologiche per le imprese del comparto agricolo. Eposizioni di mezzi meccanici e impiantistica agroindustriale, in aggiunta ai saloni specializzati Oleatec (olivicoltura, elaiotecnica), Enotec (viticoltura e enologia), Bancotec (industria alimentare), e agli stand delle eccellenze agroalimentari, consentiranno agli imprenditori di progettare nuovi modelli di filiere corte o lunghe, adottando strategie flessibili e su misura in base alle proprie esigenze.

In particolare, nel Salone Oleatec, attrezzature per le aziende olivicole e frantoi che, quest’anno, si trovano a dover studiare nuovi modelli produttivi a causa della pessima campagna olivicola 2014-2015, messa a dura prova dal maltempo e dai parassiti.

Ma una delle colonne portanti della manifestazione sarà la carne, specialmente con la Mostra Nazionale Ovini di razza Appenninica e quella Interregionale bovini di razza Frisona. Un vero e proprio “Polo delle Carni Italiane” che proporrà agli operatori economici, ai tecnici e anche ai visitatori, una rassegna dell’elevato livello genealogico raggiunto da razze specializzate nella linea carne. Ma anche ampi spazi espositivi e incontri tecnici per la zootecnia da latte. All’esposizione si aggiungeranno numerosi convegni su distribuzione, commercializzazione ed educazione al consumo di carne. Il Consorzio di Tutela del Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale, inoltre, organizzerà uno spazio dedicato a cooking show e laboratori pratici, avvalendosi della collaborazione dello chef Massimo Infarinati.

Grande spazio sarà riservato a convegni tecnico scientifici con il coinvolgimento di Università e Istituti di ricerca. L’Università degli Studi di Perugia, in particolare, organizzerà incontri su “Innovazione tecnologica per una agricoltura sostenibile” e “Filiera zootecnica”. Saranno presenti anche gli stand delle associazioni di categoria (Confagricoltura, Cia e Coldiretti) in cui i visitatori potranno comprare ed assaggiare prodotti tipici. Per gli imprenditori, invece, workshop e seminari sulle normative e i finanziamenti al settore agroalimentare.

Il programma completo

Leave a Comment