L'informazione agroalimentare in Umbria

Aiuti alimentari per 10 milioni, pubblicati i bandi per le forniture

Share

Sul sito dell'AGEA i bandi di gara per la fornitura di aiuti alimentari ai bisognosi. Governo pronto a un piano di assistenza con oltre 400 milioni di euro di fondi europei

di Redazione

Aiuti alimentari ai bisognosi, l'AGEA (Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura), ha pubblicato sul proprio sito www.agea.gov.it i bandi di gara per le forniture. Lo comunica il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali.

In particolare, fanno sapere dal Ministero, sono state avviate le procedure per l’acquisto di pasta e pastina per 8,4 milioni di euro (base d’asta Tonn. 12mila, ripartite in 4 lotti) e di farina per 1,123 milioni di euro (base d’asta Tonn. 2,74 mila, ripartite in 2 lotti). Le gare avranno luogo presso la sede dell’Agenzia il 5 agosto 2014.

Il ministro Maurizio Martina ha detto di aver chiesto al Commissario Straordinario di Agea, Stefano Sernia, di avviare con la massima urgenza le procedure di gara per il reperimento di prodotti alimentari da destinare agli indigenti. "Si tratta di oltre 4 milioni di nostri concittadini che soffrono di povertà alimentare ed è nostro dovere non lasciarli indietro. Stiamo lavorando con gli Enti caritativi per sopperire alle necessità e il primo impegno di risorse per circa 10 milioni di euro va in questa direzione". Poi ha precisato che il suo dicastero insieme a quello del Lavoro stanno lavorando a un "piano di assistenza alimentare con oltre 400 milioni di euro di stanziamenti per i prossimi anni utilizzando i budget messi a disposizione anche dall’Unione europea".

In Umbria, secondo l'ultimo rapporto sulla povertà pubblicato dall'Agenzia Umbria Ricerche, le famiglie povere costituiscono il 9% del totale, delle quali l’1,7% riversa in condizioni molto gravi. Attualmente il Banco Alimentare dell'Umbria, che parteciperà al bando dell'AGEA, aiuta 34mila persone fornendo alimenti di prima necessità attraverso oltre 300 associazioni di volontariato. Il direttore, Roberto Mirri, specifica che si tratta di latte, biscotti e omogeneizzati per bambini e pasta, riso, farina e legumi per adulti. Per la distribuzione, il Banco raccoglie costantemente le eccedenze prodotte dalle aziende agroalimentari umbre che desiderano aiutare le famiglie in difficoltà. Le imprese che volessero aiutare il Banco Alimentare nella raccolta degli alimenti può informarsi al sito www.bancoalimentare.it/it/umbria.

 

Share

Leave A Reply

Your email address will not be published.