L'informazione agroalimentare in Umbria

Chiusa la stagione del tartufo estivo, fioccano le multe

Share

Lente d'ingrandimento su raccolta e commercio: la Forestale sequestra 35 kg di scorzone e lo dona a ospizi, orfanatrofi e mense per indigenti

di Redazione

Raccolta e commercio di tartufi: controlli a tappeto in tutta l'Umbria. Con la fine del periodo di raccolta dello Scorzone, il 31 agosto scorso, il Corpo Forestale ha terminato una vasta indagine allo scopo di verificare il rispetto delle regole in materia di esercizio della raccolta, etichettatura, tracciabilità e presentazione al consumatore delle diverse specie di tartufo presso le rivendite.

In tutta l'Umbria sono stati effettuati 820 controlli e in 65 di questi casi la Forestale ha rilevato delle irregolarità. Tra le infrazioni più frequenti in fase di raccolta sono state accertate la raccolta in epoca di divieto, la ricerca tartufi con più di due cani e il mancato pagamento della tassa regionale. Nella fase di commercializzazione, invece, la mancata classificazione del prodotto confezionato, la vendita di prodotto fresco privo di cartellino con le indicazioni obbligatorie, la mancanza di tracciabilità del prodotto. Nell'ambito dell'indagine, sono state elevate sanzioni per oltre 55mila euro e sequestrati 35 kg di tartufi, sia freschi che confezionati, poi donati a ospizi, orfanatrofi e mense per indigenti.

L’operazione ha riguardato tutta la filiera: dai "cavatori", che possono svolgere l'attività solo se in possesso del tesserino d'idoneità (per approfondire clicca qui), fino alle ditte di lavorazione e confezionamento del prodotto successivamente distribuito al dettaglio o ai supermercati. La Forestale fa sapere che, per quanto riguarda il tartufo fresco, il consumatore deve sempre poter leggere le informazioni obbligatorie su specie e luogo di raccolta riportate nell'etichetta o nel cartellino. Per quello conservato, deve essere sempre indicata la ditta che ha confezionato il prodotto, la sede dello stabilimento, la denominazione e la classificazione in recipienti ermeticamente chiusi.

Share

Leave A Reply

Your email address will not be published.