L'informazione agroalimentare in Umbria

Cuochi, camerieri e baristi: previsti nel Ternano 310 nuovi assunti

Share

Ma il saldo resta negativo. Diminuiscono gli stagionali, poche possibilità per gli under 25. Lo dice l'indagine Excelsior 2014

di Redazione

Cuochi, camerieri e baristi: in provincia di Terni quest'anno ci saranno 310 nuove assunzioni. E' quanto prevede l'ultima indagine Excelsior sui programmi occupazioni delle imprese locali nel 2014. Lo studio condotto da Unioncamere, in accordo con il Ministero del Lavoro, si basa su interviste effettuate tra gennaio e maggio ad un campione di imprenditori locali. I posti saranno riservati soprattutto a persone che hanno già una esperienza nel settore, in maggioranza con una età compresa tra i 25 e i 29 anni e ugualmente distribuiti tra uomini e donne. Di questi, sessanta saranno immigrati (il 20,6 per cento del totale). Diminuisce, infine, la quota di lavoro stagionale.

Il quadro generale Per quanto riguarda Terni, si annunciano 1.920 assunzioni (stabili o a termine) e quasi 2.790 "uscite" di lavoratori dipendenti, da cui un saldo occupazionale pari a circa -870 unità. In relazione al numero di dipendenti presenti nelle imprese, il saldo corrisponde a una variazione del -2,3%, un calo che evidenzia un leggero miglioramento rispetto al 2013, quando la flessione prevista era stata del -2,9%. “La dinamica provinciale – si legge nel rapporto – è assai simile sia a quella di Perugia che a quella nazionale che, tra il 2013 e il 2014, fanno registrare un miglioramento pur rimanendo ancora su livelli più bassi rispetto al 2012”.

Turismo e ristorazione A fronte di 310 nuove assunzioni, sono 390 quelle in uscita, con un saldo negativo di ottanta unità (-2,7%), subito dietro al settore delle costruzioni (-5,6%) e a quello dei servizi avanzati per le imprese (-3,8%). Turismo e ristorazione restano comunque i settori in cui c'è la maggiore richiesta di personale.

Meno stagionali Nessuno dei nuovi impieghi sarà a tempo indeterminato. Più nel dettaglio: il 26,7 per cento delle assunzioni è a chiamata, il 15,4 per un periodo di prova, il 12,9 per sostituzioni di altro personale (maternità, malattia). La quota maggiore è invece rappresentata dal lavoro stagionale, con il 33,4, ma in netta flessione rispetto al 2013 (61,1%)

Serve esperienza Le aziende umbre cercano personale già qualificato o con esperienza alle spalle. Ben il 72,3% tiene in considerazione il curriculum. Non a caso il turismo e la ristorazione sono anche i settori in cui, sempre secondo lo studio di Unioncamere, è più difficile reperire personale: il 22 per cento dei casi per “l'inadeguatezza dei candidati”.

Poche possibilità per gli under 25 Nessuna delle aziende intervistate pensa di assumere personale con una età inferire ai 25 anni. La fascia più richiesta va dai 25 ai 29 anni (26,45), il 9,6 per cento degli assunti invece saranno trenta e quarantenni, mentre il 13,2% ha più di 45 anni.

Share

Leave A Reply

Your email address will not be published.