L'informazione agroalimentare in Umbria

“Cuochi a puntino”, in seicento alla prova tra i fornelli

Share

Successo per i corsi di cucina amatoriale organizzati dall'Università dei Sapori di Perugia. E a settembre si riparte. Tra le nuove proposte le lezioni dedicate alle spezie e alla rosticceria

di Redazione

Successo per la prima edizione di “Cuochi a puntino", il ciclo di corsi amatoriali di cucina ideato dall’Università dei Sapori di Perugia. Oltre 600 le persone formate da gennaio a luglio, dai 25 ai 60 anni. In 32 corsi sono state realizzate oltre 180 ricette, tra cui oltre 50 antipasti, 60 primi, più di 40 secondi e 30 dolci. Sul fronte pizzeria e focacce sono stati utilizzati oltre 20 chili di mozzarella, 60 chili di farina e 10 chili di salsa al pomodoro.

Ma il vero successo di “Cuochi a puntino” è soprattutto tra i fornelli, dove si cimentano sempre più gli uomini ed anche famiglie con prole al seguito: si può imparare l’arte di servire finger food comodamente tra le mura domestiche, preparare ottime salse barbecue, stupire adulti e bambini con il cake design (sono stati preparati oltre 110 soggetti a tema), realizzare un intero menù dall’antipasto al dolce di qualità ed in poco tempo, riscoprire i sapori di un tempo con la pasta fatta in casa, apprendere le tecniche per un buon fritto, per realizzare ricette vegetariane e attente ad una corretta e sana alimentazione, anche senza glutine, e dare sfogo alle proprie passioni e attitudini preparando ottime pizze, focacce, torte salate o dolci irresistibili anche al cucchiaio o monoporzione.

I costi sono più che abbordabili: si va dai 45 euro per una lezione ai 95 euro per i corsi di tre lezioni per chi si iscriverà entro il 15 settembre. Le lezioni si svolgono in aule professionali ed anche a postazione singola, in comodi orari serali. AI partecipanti viene rilasciato un attestato di partecipazione, grembiule e cappello come gadget ricordo e soprattutto la possibilità di imparare tecniche e trucchi sotto la guida di chef, pasticceri e pizzaioli di primo livello. Tra questi: Alessandro Lestini, Fabrizio Rivaroli, Luca Fabbri, Massimo Infarinati, Daniele Marzella, Samuele Bovini, Giuseppe Mosca, Adriano Ragnacci, Silverio Rico, Alessio e Luca Antonucci, Massimo Staiano.

Molti corsi in programma hanno avuto un’edizione straordinaria, per richieste e numero di iscritti. E’ il caso del corso “Sushi”, 2 edizioni; “Pizzeria”, 4 edizioni e ben 5 edizioni per la “Cucina di primo livello” che prosegue, per chi lo volesse, con il secondo livello, in lezioni sempre di tre giornate. Ottimo successo anche per “La cucina gluten free” in collaborazione con Aic (Associazione italiana celiachia) e “Cooking in love”, speciale corso “afrodisiaco” nella giornata di San Valentino richiesto da 10 coppie. Altra formula vincente di “Cuochi a puntino” la possibilità di regalare per compleanni, festività, ricorrenze, matrimoni e anniversari un corso a piacere tra i tanti proposti e la possibilità per le aziende di svolgere team building, pratica già effettuata nell’edizione appena terminata del progetto.

A settembre si riparte, con un calendario arricchito anche di nuove proposte, oltre alle tradizionali: “Speziando: le spezie in cucina” e “La piccola rosticceria”, da due lezioni e “Cucina dal mondo” e “Dal Nord al Sud” da tre lezioni per cimentarsi con i piatti della tradizione tricolore o con le specialità più rinomate nel panorama internazionale.

Per iscriversi ai corsi della prossima edizione di “Cuochi a puntino” è necessario scaricare il modulo presente sul sito www.universitadeisapori.it in fondo a ogni scheda corso, compilarlo e inviarlo via mail all’indirizzo corsiamatoriali@universitadeisapori.ito via fax al numero 075/38146. E’ possibile iscriversi anche presso la sede dell’Università dei Sapori, a Perugia, Località Montebello. Per informazioni: 075.7828614 o 349.1979327.

Share

Leave A Reply

Your email address will not be published.