Il Parmigiano Reggiano conquista Usa e Canada, ma restano “zone d’ombra”

Share

Il mercato americano continua a mostrare ottimi risultati, dopo Francia, Regno Unito e Germania. Rimane il problema del termine "parmesan" e, di recente, il caso aflatossina nel latte

di Redazione

Continuano ad aumentare i consumi di Parmigiano Reggiano nel mercato del Nord America. Nei primi tre mesi dell’anno si è registrato un +2,7% delle esportazioni negli Usa e un +12,7% nel Canada, in un quadro decisamente positivo delle esportazioni totali, che nello stesso periodo hanno fatto segnare un +4,8%.

Questi andamenti si inseriscono in uno scenario che vede il mercato Usa al 1° posto dei mercati extra UE con il 16,4% dell`export del Parmigiano Reggiano e al 4° posto nella classifica totale, immediatamente a ridosso dei maggiori mercati europei, con la Francia al primo posto con il 19,4%, seguita dal Regno Unito con il 17% e dalla Germania con il 16,8%.

È all’interno di questo quadro che il Consorzio del Parmigiano Reggiano ha partecipato al Fancy Food Show di New York, la più importante fiera alimentare del nord America con oltre 20.000 visitatori, 180.000 prodotti e 2.400 espositori da più di 80 paesi di tutto il mondo.

Proprio da qui è venuta l’ulteriore conferma dell’importanza del mercato Usa per il Parmigiano Reggiano: un mercato non ancora “maturo” – sottolinea il Consorzio – che vede rafforzarsi la propensione al consumo di prodotti naturali e che esprime un grande potenziale di sviluppo, come dimostra non solo l’andamento dei primi mesi del 2014, ma anche la tendenza degli ultimi anni, che hanno visto un incremento sia nel 2012 (oltre il 6%) sia nel 2013 (oltre il 4%).

“Un successo – prosegue il Consorzio – che trascina con sé anche quelle zone d’ombra rappresentate dalla diffusa presenza di casi di usurpazione del nome e dell'uso del termine "parmesan", interdetto in Europa a tutti i soggetti diversi dai caseifici riconosciuti dal Consorzio del Parmigiano Reggiano, ma ammesso dalla legislazione americana”.

Un problema che coinvolge una lunga serie di denominazioni di eccellenze europee (quali asiago, fontina, gorgonzola tra le denominazioni italiane, feta, gouda, gruyere e cheddar tra le denominazioni europee) “e che finalmente – sottolinea il Consorzio – sta per essere affrontato nei negoziati bilaterali tra USA e UE, nell’ambito dei quali chiediamo all’Unione Europea e al Governo italiano un’azione forte ed intransigente rispetto a fenomeni che vanno a discapito dei produttori e, prima ancora, di consumatori americani che non hanno una reale possibilità di controllo sulla veridicità delle denominazioni”.

E non è l'unico danno per il Consorzio. Proprio di recente, i carabineri del Nas di Parma hanno sventato un giro di falsificazioni sul latte che veniva utilizzato per produrre Parmigiano Reggiano. Il latte conteneva aflatossina, sostanza cancerogena per l'uomo, in misura maggiore rispetto al limite consentio dalla legge. In manette sono finiti quattro persone, ma l'inchiesta coinvolge ben 63 indagati.

 

Share

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.