Share
L’Umbria a Expo 2015, ecco il bando per partecipare

L’Umbria a Expo 2015, ecco il bando per partecipare

A disposizione gli spazi della Cascina Triulza per aziende, istituzioni pubbliche o organizzazioni senza scopo di lucro. C’è tempo fino al 20 aprile

di Redazione

Expo 2015, ecco il bando per gli operatori umbri che vogliono partecipare. L’avviso di selezione pubblica per la concessione degli spazi di Cascina Triulza dell’esposizione universale di Milano, all’interno dell’Area Mercato “Piazzetta Umbria”, è stato pubblicato sul sito del Parco Tecnologico Agroalimentare (vai al sito e scarica il bando).

Il bando prevede l’assegnazione e l’uso di spazi per 12 mq (3 box da 4 mq) da mettere disposizione di operatori umbri dei settori agroalimentare, sociale, ambientale, turistico e dell’artigianato che interpretano i valori e le tematiche di Expo. Potranno fare richiesta inoltre istituzioni pubbliche, onlus, fondazioni e altre entità giuridiche senza scopo di lucro le cui attività sono legate al tema della nutrizione. Le domande (una sola nel caso di aggregazioni di imprese o associazioni di enti o Comuni che intendono presentarsi congiuntamente) si possono presentare entro il 20 aprile 2015.

Il bando, viene spiegato in un comunicato dalla Regione Umbria, nasce dalla volontà di fornire alle imprese umbre uno spazio di visibilità all’interno del complesso di Cascina Triulza, che si estende su una area di quasi 8mila metri mq. In quest’area, antico esempio di architettura rurale lombarda, avrà sede il Padiglione della ‘società civile’, luogo dove affrontare i grandi problemi dell’umanità, valorizzare le esperienze concrete e le buone pratiche sui temi dell’esposizione universale. Lo scopo è incentivare la collaborazione fra più soggetti e promuovere le migliori proposte per un futuro sostenibile.

All’interno dell’area saranno predisposti spazi di accoglienza e ristorazione, oltre a un’area espositiva dove i temi dell’esposizione universale saranno vissuti valorizzando le competenze su cooperazione, sviluppo sostenibile, salute e alimentazione. A queste si affiancheranno un’area eventi con un auditorium da 200 posti, un’area per seminari e laboratori. Infine, un grande spazio aperto dove si troveranno gli orti botanici curati dalla Facoltà di Agraria dell’Università di Perugia.

Leave a Comment