Torna Agriumbria, la fiera dell’innovazione in campo agroalimentare

Share

Umbriafiere festeggia la 50esima edizione di uno degli appuntamenti dedicati al mondo agricolo più importanti d’Italia. A Bastia Umbra dal 6 all’8 aprile.

di Redazione

E’ l’appuntamento annuale con l’innovazione e l’approfondimento in campo agroalimentare. Dal 6 all’8 aprile, nei padiglioni di Umbriafiere a Bastia Umbra, torna Agriumbria: vetrina delle migliori tecnologie e attrezzature per l’agricoltura, rassegne zootecniche e convegni.

Nuovo spazio dedicato al lattiero-caseario:

Giunta alla 50esima edizione, la Mostra Nazionale dell’Agricoltura, Zootecnia e Alimentazione, presentata nei giorni scorsi nell’ambito di Fieragricola a Verona, entra a far parte a tutti gli effetti delle fiere storiche italiane del settore. Dopo aver accolto oltre 75mila visitatori e 420 espositori l’anno scorso, l’edizione 2018 partirà con una novità: il Milktec, il primo salone nel salone dedicato alla tecnologia per la filiera lattiero-casearia. Uno spazio in cui saranno presentate le ultime tecnologie sul fronte delle attrezzature per la mungitura e la lavorazione del latte. Un segmento, questo, sviluppato a fronte della crescita della multifunzionalità delle aziende agricole del centro Italia.

GLI APPROFONDIMENTI DI SAPEREFOOD SUL LATTIERO-CASEARIO

Non mancheranno le aree tematiche delle edizioni precedenti come Bancotec, Oleatec ed Enotec, i saloni specializzati dedicati all’impiantistica agroindustriale, olivicoltura, viticoltura ed enologia. Spazi in cui è previsto un ricco programma di convegni, meeting e master di approfondimento pensati per mettere aziende, associazioni di categoria e mondo scientifico in un confronto unico. I temi centrali di quest’anno saranno la sostenibilità e il contrasto allo spreco alimentare (il programma dettagliato sarà divulgato nelle prossime settimane).

Una rassegna internazionale:

Grazie alla collaborazione sempre più stretta tra Umbriafiere, Istituto Commercio Estero e Federunacoma, sarà ospitata sul territorio e in fiera una delegazione di operatori provenienti dai mercati dei Balcani, territorio in grande crescita sul piano produttivo. La delegazione potrà conoscere da vicino le eccellenze meccaniche e non solo dell’agricoltura italiana.

Carne, numeri e consumi: l’Osservatorio Agriumbria:

Come l’anno scorso, spazio alla divulgazione dei dati sul consumo nazionale di carne di qualità. Il report sugli allevamenti e le abitudini alimentari delle famiglie italiane rappresenta un importante strumento di analisi per tutte le imprese che intendono essere aggiornate sui trend del mercato e incrementare le proprie opportunità di business.   

I DATI DELL’OSSERVATORIO 2017

L’approfondimento sui dati economici accompagnerà le mostre dei principali attori del settore delle carni: bovini di razza Chianina, Limousine, Frisona Italiana, Romagnola, Marchigiana, Maremmana, Podolica, Grigio Alpina, Pezzata Rossa Italiana, Charolaise e Bufalina. Inoltre, quella dei riproduttori ovini da latte. Ma anche la mostra delle razze cunicole, equine, asinine, ovine e caprine allevate in Umbria, l’esposizione dei suini e la mostra mercato degli animali da cortile e selvaggina.

SCARICA “L’UMBRIA DELLE CARNI”, LIBRO SCRITTO DA SAPEREFOOD IN COLLABORAZIONE CON PROMOCAMERA

Il premio “Antonio Ricci”:

Alla sua seconda edizione il premio dedicato a uno dei giornalisti più noti e apprezzati del settore, Antonio Ricci, scomparso nel 2016. Un professionista che ha contribuito alla crescita dell’agricoltura italiana ma anche al successo di Agriumbria, essendone stato un consulente. Umbriafiere, in collaborazione con la Facoltà di Agraria di Perugia e con Edagricole, ha deciso di indire il premio che avrà due sezioni: una giornalistica, per premiare il professionista del settore che si è distinto per raccontare l’agricoltura italiana, un’altra dedicata agli studenti dell’Università di Perugia che hanno affrontati nelle loro tesi i temi della sostenibilità ambientale-economica e la multifunzionalità in agricoltura.

“Cinquanta edizioni di una fiera che di anno in anno è cresciuta in maniera esponenziale fino a raggiungere la saturazione degli spazi espositivi – ha spiegato Lazzaro Bogliari, presidente di Umbriafiere – una storia, quella di questa manifestazione, che si lega indissolubilmente all’andamento del settore primario che proprio negli ultimi anni ha visto crescere la propria presenza nell’economia nazionale e mondiale facendo delle imprese del settore italiane il fiore all’occhiello in tutto il mondo”.

Le aziende aziende che vogliono partecipare all’esposizione possono scaricare le informazioni e i documenti a questo link.

Share

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.